Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

MEF: l'assistenza ostetrica dalla diagnosi all'espletamento del parto

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Ilenia De Franco Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 301 click dal 23/05/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Ilenia De Franco

Mostra/Nascondi contenuto.
- 8 - 1.5 Il lutto perinatale Per lutto perinatale si intende la perdita del bambino tra la seconda metà di gravidanza e i 7 giorni dopo il parto. Il lutto perinatale è un tema di cui si parla con grande difficoltà. E’ ancora un tabù per molti professionisti e operatori della salute materno-infantile, in quanto all’esterno è poco comprensibile il perché si pianga un bambino mai nato, su cui nessuno ha maturato un legame di attaccamento, a parte i familiari. Soprattutto si ignorano o minimizzano le pesanti ripercussioni sul piano psicologico e psicofisico che questo lutto può comportare nelle donne e nella coppia che lo vive e possono, quindi, essere conseguenza di difficoltà nella gestione del dolore, dell’elaborazione del lutto e delle gravidanze successive. Numerosi studi indicano, infatti, che il lutto perinatale può alterare in modo permanente l’equilibrio affettivo e psicologico dei genitori, che restano spesso ancorati alla perdita senza mai elaborare il lutto. Aver perso un bambino in epoca perinatale rappresenta inoltre un noto fattore di rischio psicologico e comportamentale anche per le gravidanze successive, aumenta, infatti, il rischio di sviluppare depressione post-partum e un inadeguato attaccamento genitore-bambino. Un approccio idoneo al lutto, da parte di tutti gli operatori, è dunque essenziale per la salute dei genitori e per fornire un’assistenza ottimale. I professionisti sanitari sono, però, poco formati per la gestione emotiva e psicologica degli eventi critici. La formazione accademica non prevede la cura degli aspetti psicologici, della comunicazione nelle situazioni critiche e degli eventi difficili, per cui molti operatori sono di fatto impreparati. Quando si parla di lutto perinatale, si deve tener presente che si tratta di un bambino che muore lasciando dietro di sé una famiglia addolorata. Non importa quanto fosse malato, quanto la morte sia giunta inaspettata, quanto precoce sia stata rispetto all’epoca gestazionale e quante fossero le possibilità di vita di quel bambino fuori dall’utero, in ogni caso, i genitori si trovano a dover fare i conti con il vuoto mentale e fisico che quella perdita comporta. L’operatore che riconosce quel bambino, non come prodotto del
Estratto dalla tesi: MEF: l'assistenza ostetrica dalla diagnosi all'espletamento del parto