Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Androide e Ginoide, quanto incide la diversa distribuzione del grasso corporeo nella progettazione di un allenamento

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Angelo Pancaro Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 210 click dal 14/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Angelo Pancaro

Mostra/Nascondi contenuto.
16 stante il loro numero sia notevolmente inferiore rispetto agli adi- pociti bianchi questi riescono a produrre una quantità di calore tale da indurre la termogenesi per l’intero organismo. Una sostanza prodotta dal tessuto adiposo è la leptina, che ha un ruolo chiave nella regolazione del bilancio energetico attra- verso due meccanismi, agendo sia sull’assunzione di cibo che sulla spesa energetica. E’ prodotta in risposta proporzionale all’aumento del tessuto adiposo e agisce riducendo l’appetito e inducendo sazietà. Nei roditori la leptina agisce aumentando la spesa energetica attraverso la termogenesi del tessuto adiposo bruno. Esiste una correlazione lineare positiva tra i livelli circo- lanti di leptina e la massa grassa totale (15). Siccome negli obesi le dimensioni degli adipociti sono aumentate 2-4 volte rispetto a quelle di un soggetto normopeso, la secrezione di leptina risulta fino a 7 volte più alta nei pazienti obesi che nei soggetto ma- gri (14). Tuttavia negli obesi questi alti livelli di leptina sierica non inducono senso di sazietà; tale situazione è nota come lep- tino-resistenza e i mediatori molecolari responsabili della sua in- sorgenza sembrano essere le proteine SOCS3 e PTP1B coinvolte nella trasmissione intracellulare del segnale innescata dal legame della leptina con il suo recettore. Nell’uomo mutazioni del gene LEP sono molto rare e sono state per la prima volta riscontrate in due bambini pachistani (12) e in tre membri di una famiglia turca (19). Anche le mutazioni nel recettore della leptina (LEPR) sono estremamente rare ed un lavoro condotto su 300 pazienti con obesità severa ad insorgenza precoce ha individuato soltanto
Estratto dalla tesi: Androide e Ginoide, quanto incide la diversa distribuzione del grasso corporeo nella progettazione di un allenamento