Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Politica Estera della Russia

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Sociali

Autore: Andrea Broccoletti Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 97 click dal 21/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Andrea Broccoletti

Mostra/Nascondi contenuto.
politica estera alla cui base vi è lo studio dei processi decisionali. Più nello specifico questa visione presuppone come sia nelle azioni dei decision makers che fattori esterni e fattori interni si incontrano producendo dei risultati, definibili anche come outcomes, che determinano la politica estera, definibile anche come outputs. A fronte di ciò si può dedurre come la politica estera sia frutto di molteplici processi decisionali generati da differenti flussi di informazioni e da molteplici aspetti motivazionali. 1.4.2 James Rosenau Le teorie elaborate da James Rosenau sono riconducibili alla tradizione liberale delle relazioni internazionali. Essendo questo paradigma contraddistinto da più “sentieri”, che ne fanno una grande scuola di pensiero pluralista, il pensiero Rosenauniano è, più nello specifico, riconducibile alla corrente del funzionalismo, un’importante sottocategoria dell’istituzionalismo liberale. Tra i più importanti aspetti del pensiero del politologo statunitense troviamo lo sviluppo di un’analisi comparata della politica estera, il concetto di governance e quello di turbolenza. Ovviamente, tra questi, quello preso in esame da Valerie Hudson e Christopher Vore nell’articolo, è senza dubbio il primo di questi tre. Rosenau focalizza il proprio pensiero sulle funzioni svolte dagli attori le quali contribuiscono a definire la vita e l’evoluzione della politica internazionale anche per quanto riguarda l’ambito della politica estera. Nel 1966 elabora quella che viene definita “pre-teoria” che, grazie a evidenti connotazioni predittive, inquadra le principali variabili indipendenti nella determinazione della politica estera definite, a loro volta, da una serie di elementi che determinano le funzioni decisionali degli individui. In altri termini il filone che, nell’analisi di politica estera, è stato avviato da Rosenau si basa sull’assunto secondo cui non è sufficiente riconoscere 16
Estratto dalla tesi: La Politica Estera della Russia