Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"Life course" nelle iscrizioni latine della Venetia

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Piero Maddalena Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 74 click dal 05/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Piero Maddalena

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Discussione 3.1. Life course nella Venetia Il termine life course abbisogna di alcune spiegazioni. Esso incorpora la dimensione temporale alla vita, che inizia con la nascita e termina con la morte, ed è costituito da numerose fasi e riti di passaggio lungo il suo sviluppo. Tuttavia il life course non è una semplice descrizione dell'invecchiamento biologico, ma è costruito culturalmente e non segue necessariamente lo sviluppo biologico e mentale degli uomini. Ogni cultura ha la propria versione del life course, e dunque non viviamo semplicemente all'interno di una struttura sociale di una società, ma viviamo nel life course di questa società. Gli individui seguono il life course di una società, ma il loro coinvolgimento o le loro reazioni ad esso nelle varie fasi della vita sono influenzate dallo status, dal sesso e dalle scelte personali 29 . Nell'antichità la vita era vista come una progressione che andava dall'età infantile a quella adulta e finiva con la vecchiaia; una sequenza di fasi caratterizzate da comportamenti differenti 30 . Dunque il modo in cui queste fasi erano costruite socialmente è basato su un'ideologia dell'età e dell'invecchiamento, che si differenzia da una società all'altra. La transizione da una fase di vita a quella successiva è segnata da un cambiamento delle aspettative e dei vincoli di tale società 31 . Le iscrizioni funerarie costituiscono i tre quarti del record epigrafico dell'Impero romano, stimato in un totale di circa 250.000 iscrizioni 32 . Lo scopo di queste iscrizioni era fissare nel tempo i resti del defunto ed inoltre agivano come una sorta di promemoria permanente della vita e dei successi di un individuo. Anche se vi sono delle differenze a seconda della regione o del gruppo sociale, il 29 M. Harlow – R. Laurence, Growing Up and Growing Old in Ancient Rome. A Life Course Approach, Londra-New York 2002, p. 3 30 L. Revell, The Roman Life Course: A View from the Inscriptions, in «European Journal of Archeology» vol. 8 (1), 2005, pp. 43-63 31 Ibidem, p. 43 32 R. Saller – B. Shaw, Tombstones and Roman family relations in the Principate: civilians, soldiers and slaves, «Journal of Roman Studies» 74, 1984, p. 124 41
Estratto dalla tesi: "Life course" nelle iscrizioni latine della Venetia