Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Consumo Ergo Sum

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Giulia Vencato Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 192 click dal 15/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giulia Vencato

Mostra/Nascondi contenuto.
14 Avere o Essere? Questo è il dilemma. Avere o Essere è il titolo di un’opera dello psicanalista sociologo Erich Fromm. Ho pensato di utilizzare quest’opera come metafora di riflessione dello stato della società e dell’essere umano d’oggi. Come spiega l’autore, la stessa lingua è stata modificata secondo i criteri di quello che è ormai noto come “consumismo”, ovvero il fenomeno per cui il carattere della società si fonda prettamente su criteri materialistici, ovvero su una dimensione basata sull’Avere. Come la lingua, anche l’essere umano stesso ha mutato il proprio modo di vivere e viversi, di conseguenza le dimensioni dell’avere e dell’essere prendono la propria forma e disegnano i propri confini entro i quali si definisce il vivere quotidiano. La plasticità cerebrale, ovvero il fatto che le sinapsi possono mutare e crearsene di nuove nel tempo, modula le connessioni cerebrali anche, e soprattutto, sotto l’influenza ambientale. Circuiti come quello della gratificazione data dal possesso possono aver preso forma nel senso concreto del termine, ovvero come rete di connessioni che caratterizzano il sistema cerebrale attuale (Corricelli et al.; 2005). La dimensione dell’Avere potrebbe dunque mostrarsi persino in dei connotati a livello sinaptico, e quindi definirsi anche in modo tangibile (embodied) all’interno del corpo. “L'aut-aut tra avere ed essere non è un'alternativa che si imponga al comune buon senso. Sembrerebbe che l'avere costituisca una normale funzione della nostra esistenza, nel senso che, per vivere, dobbiamo avere oggetti. Inoltre, dobbiamo avere cose per poterne godere. In una cultura nella quale la meta suprema sia l'avere – e anzi l'avere sempre più – e in cui sia possibile parlare di qualcuno come una persona che «vale un milione di dollari», come può esserci un'alternativa tra avere ed essere? Si direbbe, al contrario, che l'essenza vera dell'essere sia l'avere; che, se uno non ha nulla, non è nulla.” (E. Fromm, Avere o Essere? Incipit)
Estratto dalla tesi: Consumo Ergo Sum