Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi dell'opera : "L'isola di Arturo"

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Valentina Binoshaj Contatta »

Composta da 31 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 101 click dal 02/03/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Valentina Binoshaj

Mostra/Nascondi contenuto.
vita, e Don Chisciotte, che non è soddisfatto dal mondo che lo circonda, sono indicati come due importanti figure per la formazione del protagonista Arturo 19 . Durante la fase di scrittura Morante si dimostra molto consapevole del valore letterario del suo lavoro e del rapporto fra la sua opera e la tradizione del genere romanzo, tanto da dichiarare nell'intervista a Sergio Saviane: Alcuni critici credono che il romanzo è finito, ma il romanzo è giovane. Ha appena due secoli e mezzo a mio avviso comincia proprio oggi. Non si tratta di rinnovare il romanzo Ottocentesco, il romanzo Ottocentesco è sorpassato. Occorre far parlare i personaggi, perché oggi non si crede più nella realtà obbiettiva, il romanzo contemporaneo ha altre esigenze, lo scrittore deve scrivere una realtà in cui ha un’esperienza 20 . La definizione della trama del romanzo impegna ancora un tempo molto lungo perché nel 1955 Morante afferma che L'isola di Arturo «è un romanzo con cinquecento pagine ed è la storia di un giovane ragazzo molto “intelligente e felice”, che ha solo diciotto anni, e, dopo essere stato prigioniero dagli inglesi in Etiopia ricorda la sua isola» 21 . Questo impianto non sarà mantenuto nella stesura definitiva, in quanto viene cancellato l'elemento della prigionia in Africa e ci si concentra sulla storia di formazione del giovane protagonista. Il romanzo viene concluso nel 1955, come dimostrano i manoscritti conservati presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, dove la data finale segnalata dall'autrice è il 5 ottobre 1955. Il corpus del manoscritto è composto da 16 quaderni di grande formato su cui Morante dichiara di aver lavorato con il «massimo impegno umano e artistico per quasi quattro anni» 22 . Morante si interessa in modo maniacale alle vicende editoriali dei suoi libri e anche in questo caso si occupa della scelta della copertina. La proposta di Bollati, poi non accolta, prevede la scelta di un cielo stellato 23 . Alla fine per la prima edizione sarà perferito un quadro di Guttuso che ritrae un ragazzo addormentato su una barca. Per l'edizione degli «Oscar Mondadori» del 1969 si sceglieranno dei fichi d'India, tipici 19 Giulia Massari, L'isola di Elsa, cit., p. 15. 20 Sergio Saviane, Elsa Morante e «L’isola di Arturo, in «L’Espresso», ottobre 1955, p. 11. 21 Ibidem. 22 Elsa Morante, Una lettera inedita del febbraio 1957 a Giacomo Debenedetti, cit., p.3. 23 Alba Andreini, L’isola di Arturo di Elsa Morante, cit., p. 686. 7
Estratto dalla tesi: Analisi dell'opera :   "L'isola di  Arturo"