Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla chiusura dei manicomi ai giorni nostri. Il ruolo dell'educatore all'interno di una RSD

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Camilla Persico Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 98 click dal 03/05/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Camilla Persico

Mostra/Nascondi contenuto.
12 ad essere trattate con criteri più scientifici e iniziò ad essere riconosciuta l’ i mp o rta n z a della psicoterapia nel loro trattamento, sebbene a quel tempo avesse delle connotazioni ancora piuttosto rudimentali e grossolane 20 . Grazie ai progressi derivati d a ll’ i n f lu e n z a d e ll’ Illuminismo si diffuse in questo periodo un sostanziale ottimismo per quanto riguarda l’ e v o lu z i o n e del genere umano che portò ad una profonda fiducia nella completa guarigione dei malati mentali e quindi una conseguente maggior umanità nel trattamento di tali malattie nei vari istituti, t a n t ’ è che numerosi medici iniziarono a promuovere un trattamento più rispettoso nei loro confronti. Una maggiore attenzione verso i malati spinse gli studiosi a sviluppare numerose teorie sociologiche per spiegare l’ i n s o r g enza delle malattie mentali 21 . I primi contatti diretti coi malati si ebbero non solo nei numerosi istituti che iniziavano a sorgere in tutta Europa, ma anche nelle piccole case di cura private che permettevano una maggior cura dei pazienti, facendo in modo che si diffondesse sempre più una forte attenzione per la prevenzione delle malattie mentali. Altri traguardi raggiunti in questo periodo furono l’ i n g re s s o della psichiatria nei tribunali: ciò ha dimostrato una volontà nel cercare di capire meglio il malato e nel migliorare il suo destino. Un contributo importante venne dato dal chimico e clinico Geor Ernst Stahl (1660- 1734) che scosse la precedente tradizione somatica e influenzò notevolmente le generazioni successive. Punto cardine della sua concezione era l’ i d e a che tutte le trasformazioni fisiche e chimiche del nostro corpo potessero essere regolate da un principio comune come l’ a n i ma : la malattia viene così rappresentata come una serie di reazioni contro gli influssi nocivi che ledono la stabilità della persona. Le scoperte di Albrecht Von Haller (1708-1777), medico e poeta svizzero, sulla sensibilità del sistema nervoso e s u ll’ i rr i t a b i li t à dei muscoli furono utilizzate e trasformate da William Cullen (1710-1790) che coniò una nuova teoria sulla 20 Abbagnano N., Fornero G., 2000. “P ro t a g o n i s t i e testi della f i lo s o f i a ” Bari: Laterza Editori. 21 Ceccucci S., 2012. “L a luce oltre la porta. Il Day Hospital Psichiatrico tra passato presente e f u t u ro ” Roma: Psychomedia Editore
Estratto dalla tesi: Dalla chiusura dei manicomi ai giorni nostri. Il ruolo dell'educatore all'interno di una RSD