Skip to content

Il recesso dai trattati internazionali

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Giudice
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Edoardo Greppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 311

Il recesso dai trattati internazionali è un fenomeno, giuridico e non solo, spesso tralasciato dalla manualistica internazionale: obiettivo di questo elaborato è di fornire un quadro chiaro ed aggiornato delle norme che regolano l'istituto. Una volta esaurite alcune premesse terminologiche ed analizzato il caso speciale del ritiro della firma di un trattato, i Capitoli Secondo e Terzo espongono la disciplina generale del recesso, così come risultante dal diritto consuetudinario e pattizio (in special modo dalla Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati del 1969), dalla giurisprudenza e dalla prassi. La metodologia impiegata è tale da dividere lo studio fra l'an e il quomodo: il Capitolo Secondo esamina le condizioni sostanziali per l'invocazione del recesso, ricavate dagli articoli 56, 60, 61 e 62 della Convenzione, mentre il Capitolo Terzo è dedicato ai requisiti formali e procedurali del recesso, così come previsti dagli articoli 44, 45, 56, 65, 66, 67, 68, 70 e 73 della medesima. Il Capitolo Quarto è invece riservato all'analisi della disciplina speciale del recesso, alla luce del criterio ratione materiae: viene infatti esplorato il rapporto fra la natura di alcune categorie di trattati e la disciplina del loro recesso. Oggetto di questo studio sono i trattati istitutivi di organizzazioni internazionali, i trattati sui diritti umani, i trattati di disarmo, i trattati di investimento internazionale ed i trattati che istituiscono arbitrati o Corti internazionali. Infine, il Capitolo Quinto inserisce il recesso nel più ampio contesto delle relazioni internazionali, esplorando i diversi ruoli e funzioni che questo può assumervi, ancor più alla luce del crescente scetticismo verso i meccanismi di cooperazione multilaterale elaborati dalla comunità internazionale.​

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Giudice
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Edoardo Greppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 311

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO 1. Introduzione «En toute chose il faut considérer la fin» 1 Il recesso o denuncia dei trattati internazionali è un fenomeno, giuridico e non solo, al contempo tanto affascinante quanto enigmatico: la manualistica internazionalista è solita dedicare non più di qualche paragrafo al tema, a differenza dell’attenzione concessa alla stipulazione e, dunque, al momento costitutivo degli accordi internazionali. Il momento estintivo dei trattati, invece, viene spesso trattato come un incidente di percorso, scongiurabile ed eccezionale, nonché rimesso al verificarsi di semplici fatti o dichiarazioni. L’apparente chiarezza della materia, quale potrebbe risultare dalla Convenzione di Vienna sul Diritto dei Trattati (1969), è presto intorbidita dall’interpretazione del testo, rivolta a sceverare ciò che è lecito da ciò che non lo è. Sono molte, in realtà, le domande che sorgono ad un attento studioso dell’istituto: quando si può recedere? Come? Chi può farlo? Perché recedere? Cosa succede quando un recesso è illecito? Analizzando in profondità la genesi e lo sviluppo dell’istituto, nel diritto internazionale scritto e consuetudinario, si scopre come sia sempre stato al centro di considerazioni di interesse e convenienza politici: a questo riguardo, lo studio di Laurence Helfer 2 , uno dei più accurati sul tema, si concentra sul momento negoziale dei trattati e mostra come, proprio laddove si svolge la fase costitutiva del trattato, il momento estintivo gioca molte delle sue carte e non, come si è soliti rilevare, solo in un secondo ed eventuale momento. In altre parole, buona parte della partita sul 1 La Fontaine J., Le Renard et le Bou in Favole, Libro III, 1668 2 In particolare: Helfer L.R., Exiting Treaties, Virginia Law Review, vol. 91, 2005, pp. 1579-1648

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi