Skip to content

Verso l'istituzione di un crimine internazionale di ecocidio

Postulando l’inscindibile interconnessione tra Diritti Umani e tutela dell’ambiente, la presente tesi sostiene che l’istituzione di un crimine internazionale di ecocidio possa essere uno strumento efficace per prevenire e contrastare la distruzione antropogenica degli ecosistemi attraverso il Diritto Penale Internazionale. Attraverso un’approfondita indagine sulle origini di questa problematica, si identificano le lacune del quadro normativo esistente. Inoltre, si argomenta sulla necessità ed urgenza di includere un crimine autonomo di ecocidio nello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale. Ampliando l’analisi, il documento esamina in dettaglio la proposta di definizione legale di ecocidio elaborata nel 2021 dall’Independent Expert Panel, valutandola sia dal punto di vista teorico che da quello applicativo. Attraverso questa valutazione critica, emergono diverse problematiche e limitazioni, che conducono alla proposta di possibili emendamenti ed integrazioni. Oltre a ciò, la tesi affronta i principali ostacoli che impediscono la criminalizzazione internazionale dell’ecocidio nel sistema giuridico esistente. Esaminandoli, se ne prospetta il superamento e si propongono idee di riforma: a livello sostanziale, processuale e rimediale. In sintesi, questa tesi offre un’analisi approfondita sull’ecocidio, sostenendo l’importanza di sfruttare il sistema penale internazionale per prevenirlo. Attraverso l’identificazione delle lacune normative, la valutazione critica della definizione elaborata e la proposta di emendamenti, l’elaborato contribuisce in modo significativo alla comprensione e alla soluzione di questa questione urgente. Inoltre, esamina i principali ostacoli alla criminalizzazione internazionale dell’ecocidio e propone alcune idee di riforma per superarli e garantire una protezione efficace degli ecosistemi e dei Diritti Umani connessi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE “Solidarietà: un'utopia necessaria”. Qualche anno addietro, Stefano Rodotà denominò così uno dei propri scritti. Ancora oggi, mutuare la ratio della sua riflessione appare stimolante nell’interrogarsi sul ruolo del diritto per una società più sostenibile ed equa. In un mondo in cui la sostenibilità è un’esigenza sempre più inderogabile, è chiaro che il compito del diritto non sia la passiva registrazione del presente, ma la formulazione di scelte regolative che imprimano una direzione all’esistente. In questo senso, il principio di solidarietà – applicabile, inter alia, a tutela delle future generazioni e delle comunità maggiormente colpite dagli esiti devastanti della crisi climatica e dall’iniquità dei sistemi produttivi – appare tanto ambizioso da credersi un’utopia, quanto necessario per muovere tutti gli attori – privati, sociali e pubblici – nella direzione degli obiettivi di sviluppo sostenibile, che garantirebbero una convivenza globale migliore. Muovendo da tale prospettiva, questa tesi si pone l’obiettivo di ragionare sul perché l’istituzione di un crimine internazionale di ecocidio costituirebbe uno strumento efficace per prevenire, a livello globale, il grave danneggiamento antropogenico degli ecosistemi. A questo fine, il primo capitolo indaga le origini della questione, individuando il quadro normativo esistente e, soprattutto, i suoi limiti. Di conseguenza, argomenta la necessità e l’urgenza di riconoscere l’ecocidio come autonomo crimine internazionale, includendolo nello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale. Il secondo capitolo analizza la proposta di incorporazione di un crimine di ecocidio nello Statuto di Roma, elaborata tra il Novembre 2020 e il 22 giugno 2021 dall’ Independent Expert Panel (IEP) convocato dalla Stop Ecocide Foundation. Questa proposta risponde all’obiettivo di prevenire e contrastare le condotte umane di grave danneggiamento e distruzione ambientale tramite il Diritto Penale Internazionale. All’interno del progetto, lo IEP ha fornito una definizione legale di ecocidio. Il primo paragrafo di questo capitolo analizza la rispondenza di questa definizione ai requisiti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Il miglior software antiplagio

L'unico servizio antiplagio competitivo nel prezzo che garantisce l'aiuto della nostra redazione nel controllo dei risultati.
Analisi sicura e anonima al 100%!
Ottieni un Certificato Antiplagio dopo la valutazione.

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Ricci
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2021-22
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Olivia Lopes Pegna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 188

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sostenibilità
diritto ambientale
crimini internazionali
disastro ambientale
diritto internazionale dell'ambiente
diritto penale dell'ambiente
ecocidio
crimine internazionale di ecocidio
independent expert panel
ecocide law

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi