Skip to content

Le scrittrici della Grande guerra. Matilde Serao e Virginia Woolf

Informazioni tesi

  Autore: Cecilia Cattini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Cultura
  Relatore: Ilaria Biagioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

Il tema di questa tesi è la presentazione della Grande guerra nella produzione letteraria di due scrittrici che vissero durante quel periodo, Matilde Serao e Virginia Woolf.
Quando si parla di letteratura di guerra, bisogna tenere in considerazione il fatto che il contributo delle scrittrici su questo argomento è stato spesso sottovalutato dalla critica.
Per questo motivo, l’obiettivo di questo lavoro è contestare l’idea che la scrittura delle donne sulle proprie esperienze di guerra sia meno autentica rispetto a quella degli uomini.
Nel primo capitolo si affronta la rappresentazione della Grande guerra nelle due opere di Matilde Serao, dedicate a tale tema, Parla una donna e Mors tua.
Nel secondo capitolo si prende in considerazione la riflessione di Virginia Woolf sul primo conflitto mondiale attraverso l’analisi di una delle sue opere più famose, Mrs. Dalloway. Inoltre, viene presentato un commento sulle considerazioni dell’autrice a proposito della guerra rinvenute nei suoi scritti personali.
Nel terzo e ultimo capitolo si confronta il pensiero di Serao e Woolf, al fine di rilevare somiglianze e differenze tra le due autrici.

Informazioni tesi

  Autore: Cecilia Cattini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Cultura
  Relatore: Ilaria Biagioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Oggetto della ricerca è la rappresentazione della Grande guerra negli scritti di due intellettuali, l’italiana Matilde Serao e l’inglese Virginia Woolf. Sulla scrittura di guerra la critica letteraria e la storiografia hanno senz’altro privilegiato la produzione di scrittori-soldati; tra i tanti autori italiani di diari, romanzi, memoriali e poesie sono da ricordare Emilio Lussu, Giani Stuparich, Carlo Emilio Gadda, Gabriele d’Annunzio, Giuseppe Ungaretti, mentre per quanto riguarda l’Inghilterra sono da annoverare i cosiddetti “war poets”, tra i quali Wilfred Owen, Sigfried Sassoon e Rupert Brooke. 1 Tuttavia, la letteratura italiana e inglese della prima guerra mondiale non è esclusivamente maschile, sono molte le autrici che hanno scritto sul primo conflitto mondiale. Temi ricorrenti il rapporto madre-figlio in tempo di guerra, il ruolo ricoperto nel supporto agli uomini al fronte e nel campo della mobilitazione bellica, l’ingresso delle donne nel mondo di lavoro per sostituire i combattenti in professioni tipicamente maschili, le conseguenze degli stupri di guerra. Al pari degli uomini, hanno partecipato a dibattiti sociali e politici, tra cui le ragioni a sostegno dell’intervento in guerra o della neutralità, i mutamenti portati nella società in seguito all’evento bellico, la partecipazione femminile all’assistenza e alla propaganda, in vista del riconoscimento futuro dei diritti politici. Hanno fatto tutto ciò attraverso numerosi saggi, romanzi, poesie, drammi, articoli scientifici, e alcune di loro hanno pubblicato reportage dal fronte di combattimento. 2 Nemmeno tra gli studi più recenti sul rapporto tra gli intellettuali e la prima guerra mondiale il pensiero delle scrittrici viene preso in considerazione. 3 Quello che si verificò infatti nei paesi che erano stati coinvolti nel conflitto, soprattutto in Italia e in Gran Bretagna fu la scelta di privilegiare il fronte – le battaglie, i combattenti, i caduti – nell’occupare per intero la scena delle rievocazioni e delle commemorazioni pubbliche e private nel lungo, travagliato dopoguerra. 4 1 Per studi sulla letteratura di guerra (anche straniera) si vedano: M. Isnenghi, Il mito della Grande guerra, Bologna, Il Mulino, 2014; M. Isnenghi, I vinti di Caporetto nella letteratura di guerra, Padova, Marsilio, 1967; F. Todero, Pagine della Grande guerra. Scrittori in grigioverde, Milano, Mursia, 1999; P. Fussel, The Great War and modern memory, Oxford, UP, 1975; G. Parfitt, Fiction of First World War: A Study, London, Faber & Faber, 1988; B. Bergonzi, Heroes’ Twilight: A Study of the Literature of the Great War, London, Basingstoke, 1980. 2 Tra le scrittrici e giornaliste che offrirono resoconti dai campi di battaglia si ricordano Flavia Steno e Stefania Türr. 3 Si veda a tal proposito E. Gentile, L’apocalisse della modernità. La Grande guerra per l’uomo nuovo, Milano, Mondadori, 2014; Gli intellettuali italiani e la Grande guerra, a cura di I. Caliaro, Milano, Einaudi Scuola, 2001; Scrittori in trincea. La letteratura e la Grande guerra, a cura di F. Senardi, Bologna, Clueb, 2013. 4 S. Soldani, Donne italiane e Grande guerra al vaglio della storia, in La Grande guerra delle italiane. Mobilitazioni, diritti, trasformazioni, a cura di S. Bartoloni, Roma, Viella, 2016, p. 23.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

femminismo
grande guerra
scrittrici prima guerra mondiale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi