Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Guaritrici di campagna, medichesse e streghe. La medicina popolare alle origini dell'assistenza e delle cure infermieristiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

A mio avviso erano già da ritenersi infermiere le medichesse della Scuola Medica Salernitana come Trotula, che studiavano l’igiene e la prevenzione del- le infezioni durante il parto, erano infermiere le streghe, che curavano con le erbe le malattie ma erano anche un punto di riferimento per le donne della co- munità che si rivolgevano a loro per motivi di disagio psicologico, per un amo- re tradito o per i malesseri che la società costringeva a sopportare per il solo fatto di essere donna. Erano infermiere le levatrici, che senza aver studiato l’anatomia della donna e della gravidanza, fin dai tempi degli Egizi e dei Greci facevano nascere i bambini nelle case: sono le prime ostetriche della storia, in epoche in cui la mortalità infantile era molto elevata e le condizioni igieniche scarse e che per questo, nei periodi di repressione della donna e di paura come il Medioevo, dovettero affrontare condanne e roghi quando qualcosa andava storto. Erano e sono da ritenersi infermiere ancora oggi le guaritrici delle nostre campagne o dei paesi di montagna, dove l’accesso alle strutture sanitarie è an- cora difficile o troppo distante dalle mura domestiche. Tutte queste figure hanno sempre assolto i doveri che la professione infer- mieristica moderna richiede: la prevenzione delle malattie, l’assistenza dei ma- lati e dei disabili di tutte le età e l’educazione sanitaria 1 , in maniera non scien- tifica, con fare empirico e con mezzi semplici e inusuali, andando per tentativi ed errori o per intuizione, mescolando spesso religione, magia e superstizione alla saggezza, e alle poche conoscenze mediche, ma sempre in un rapporto stretto e diretto con il corpo e le evoluzioni della vita: la nascita, la malattia, la vecchiaia e la morte. Il mio intento è quindi dimostrare l’ ipotesi che la medicina popolare, pa- trimonio di guaritrici di campagna, medichesse e streghe, è alle origini delle cure e dell’assistenza infermieristica, ricercando le fonti storiche e bibliografi- che che mi hanno permesso di formulare tale ipotesi e cercando di scoprire il trait d’union che lega la medicina popolare antica e moderna all’attuale assi- stenza infermieristica. 1 Art.1, comma 2 del Decreto 14 Settembre 1994, n. 739 “Regolamento concernente l’individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell’Infermiere” 9

Anteprima della Tesi di Maja Tommasini

Anteprima della tesi: Guaritrici di campagna, medichesse e streghe. La medicina popolare alle origini dell'assistenza e delle cure infermieristiche, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Maja Tommasini Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 27127 click dal 10/01/2005.

 

Consultata integralmente 56 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.