Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Habit Persistence e Equity Premium Puzzle: un'applicazione del modello di Campbell e cochrane al caso Europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 un livello basso di consumo rispetto a t X implica un t S piccolo e quindi una curvatura locale della funzione di utilità molto alta. Ma come l'habit reagisce al consumo? La specificazione dell'habit tiene principalmente conto del consumo aggregato. Definiamo: a t t a a t C XC S t − ≡ dove a C indica l'ammontare del consumo di tutti gli individui dell'economia. Indicando con le lettere minuscole i logaritmi delle variabili, a t s si evolve come un processo AR(1) eteroschedastico così definito: ))(()1( 11 gccssss a t a t a t a t a t −−++−= ++ λφφ φ , g, e s sono parametri. Di particolare interesse è la sensitivity function indicata con )( a t sλ che più avanti avrà una trattazione completa. Guardando le ultime due equazioni si nota come l'habit t X tenda ad adattarsi alla storia passata del consumo { } a jt C − . Benché questo aggiustamento non sia lineare, ad una prima approssimazione vicino al valore di stato stazionario s , l’ultima equazione implica che t x si aggiusta lentamente e geometricamente verso il consumo a t c con coefficiente pari a φ . In equilibrio, stessi individui scelgono lo stesso livello di consumo, così che a tt a tt SSCC == , . L’apice a verrà omessa in seguito per non appesantire la notazione. Il consumo è modellato come un processo i.i.d. log-normale: ),0(; 2 111 σNvvgc ttt ≈+=∆ +++ È conveniente, sebbene non essenziale, usare lo stesso valore g per la media della crescita del consumo e il parametro g dell’equazione dell’accumulazione dell’habit. L’utilità marginale Essendo l’habit esterno, l’utilità marginale è: .)(),( γγγ −−− =−= ttttttc CSXCXCu Il tasso intertemporale di sostituzione è:

Anteprima della Tesi di Michele Nubile

Anteprima della tesi: Habit Persistence e Equity Premium Puzzle: un'applicazione del modello di Campbell e cochrane al caso Europeo, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Nubile Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1470 click dal 21/02/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.