Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Habit Persistence e Equity Premium Puzzle: un'applicazione del modello di Campbell e cochrane al caso Europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Tasso di interesse privo di rischio. Il tasso di interesse reale privo di rischio è il reciproco dell'aspettativa condizionale del fattore di sconto stocastico )(/1 1+ = tt f t MER In forma logaritmica, utilizzando l'espressione del tasso marginale di sostituzione intertemporale e la log-normalità della crescita del consumo, il tasso privo di rischio è pari a: 2 22 )](1[ 2 ))(1()ln( tt f t sssr λ σγ φγγσδ +−−−−+−= Il termine )( ss t − riflette la sostituzione intertemporale. Se il rapporto di surplus del consumo è basso, l'utilità marginale del consumo è alta. Se non ci sono stati shocks al consumo, l'utilità marginale dovrebbe scendere mentre il rapporto del surplus del consumo torna a s . Il consumatore preferirebbe prendere a prestito, spostando verso l'alto l'equilibrio del tasso di interesse privo di rischio. Possiamo interpretare l'ultimo termine dell'equazione come un termine di risparmio precauzionale. Col crescere dell'incertezza, i consumatori sono molto più disposti a risparmiare e questa disponibilità muove giù l'equilibrio del tasso privo di rischio. Infatti, una bassa variabilità del tasso privo di rischio può essere ottenuta o (i) con un valore di φ prossimo all'unità, oppure (ii) con valori di )(sλ tali per cui, a valori di s bassi corrispondono aumenti di l’ )(sλ tali da compensare gli ultimi due termini dell'equazione. Scelta della funzione di sensibilità. La specificazione della funzione di sensibilità deve soddisfare tre condizioni: • il tasso di interesse privo di rischio costante; • l’habit è predeterminato nello stato stazionario )( ss t = ; • l’habit è predeterminato vicino lo stato stazionario e l'habit si muove ovunque in modo non negativo con il consumo. Abbiamo già discusso le motivazioni del tasso costante privo di rischio. Come prima cosa imponiamo restrizioni al comportamento dell'habit. Normalmente pensiamo che ci vuole tempo affinché il consumo degli altri influenzi le abitudini di qualcun'altro. Nel nostro

Anteprima della Tesi di Michele Nubile

Anteprima della tesi: Habit Persistence e Equity Premium Puzzle: un'applicazione del modello di Campbell e cochrane al caso Europeo, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Nubile Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1470 click dal 21/02/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.