; Skip to content

xxxxxxxxxxx

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
12 Adesso, fatta un po’ di luce sull’attuale Eugenio Scalfari possiamo iniziare a ritrarre il combattente. C’è da dire che persino i detrattori hanno sempre immaginato l’ex direttore di “Repubblica” come una sorta di Napoleone del giornalismo, simile ad uno scalatore che dopo aver conquistato la vetta preferiva dilatare la terra verso l’alto solo per il gusto di continuare a scalare; chi lo conosce bene gli attribuisce un carattere sanguigno, un misto di passionalità e tenacia. Piero Ottone riferendosi a Scalfari in un suo libro del 1987 (“Il buon Giornale”) scrive: “Scalfari non ha mai usato i mezzi termini. I suoi giudizi sui potenti sono stati di volta in volta severi, pesanti, taglienti, magari eccessivi; ma mai timidi. In un panorama giornalistico in prevalenza prudente, rispettoso, conformistico, nel quale gli uomini politici sono trattati sempre con riguardo, il suo linguaggio si è distinto per la ruvidezza. Si dice che Scalfari per esempio avesse un debole per Ciriaco De Mita; ma quando De Mita ha voluto che Mazzotta diventasse presidente della Cariplo a Milano, Scalfari lo ha aggredito con tale violenza che De Mita gli ha tolto il saluto”. Giampaolo Pansa, ha lavorato fianco a fianco con Eugenio Scalfari. La descrizione che ne diede nel suo romanzo: “Romanzo di un innocente”, è lucida e nello stesso tempo accorata. Scrisse l’autore de “il Bestiario”: “Eugenio aveva occhi da bambino buono: occ da can, si dice dalle nostre parti, occhi da cane. E mani di una delicatezza quasi femminea. Ma tutto il resto era di un impasto speciale, a cominciare dalla dedizione al compito che si era scelto. Una dedizione assoluta, di chi è disposto a ogni fatica pur di non fallire, di vincere, e di vincere come nessuno. Negli anni a venire mi avrebbe sempre sorpreso la sua energia fisica e mentale. Poteva capitare di vederlo triste, angosciato, ferito, persino umiliato in qualche circostanza, però stanco mai. Alle undici di sera, al termine di certe giornate infernali, era inevitabile sentirsi degli stracci, buoni per la liamera, diceva Rocca (Gianni Rocca, ndr) in torinese, per la pattumiera o il letamaio. Ma Scalfari no: ritornava in piazza Indipendenza dopo una cena di lavoro, con chissà quale big politico o bancario, e si disponeva a cambiare tutto. Per rimediare ai nostri errori. O semplicemente, per fare meglio. Questa capacità di resistenza era poi radicata in altre qualità. Prima di tutto l’applicazione al lavoro, testarda, quotidiana, senza distrazioni. Quasi incomprensibile per alcuni di noi che lo giudicavano già molto famoso e abbastanza ricco, e dunque si domandavano: “Ma chi glielo fa fare, a Eugenio”? Poi la ricerca continua dell’eccellenza, che lo rendeva incontentabile, nemico dell’accomodamento, avversario delle soluzioni mediocri”. Il ritratto di Scalfari combattente si completa qualche pagina dopo quando l’autore ricorda che: “Sin dal novembre del 1977 mi fu chiaro che Scalfari era nato per comandare, la sua capacità di comando nasceva da un’attitudine innata a guidare un gruppo. Ma anche da una riconosciuta superiorità professionale. Dall’ascendente su chi aveva deciso di mettersi con lui.
Anteprima della tesi: xxxxxxxxxxx, Pagina 6

Preview dalla tesi:

xxxxxxxxxxx

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Pugliese
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: nnnnnnnnnn nnnn
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 405

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi