Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’influenza dei test genetici sull’underwriting dell’assicurazione vita

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 1.2 Underwriting La considerazione dei rischi correlati al patrimonio genetico degli individui rientra nell’analisi dei fattori di differenziazione della mortalità, attività alla base dei calcoli attuariali nell’assicurazione sulla vita. I fattori di rischio generalmente riconosciuti, ovvero i caratteri attraverso i quali si procede all’attribuzione degli assicurati alle varie classi, sono l’età, il sesso, le condizioni di salute, la professione e l’essere fumatore o non fumatore. Non tutti vengono introdotti necessariamente nel calcolo del premio di ogni tariffa assicurativa, mentre per quelli coinvolti viene fissato un certo numero di livelli che permette l’individuazione delle classi di premio. I rischi genetici intervengono come aspetto delle condizioni di salute e, come queste, vengono quantificati mediante l’impiego di modelli di “aggravamento della mortalità”. Un rischio, per il qual è ravvisabile un significativo livello di aggravamento, viene definito tarato in opposizione ad uno normale. Un approccio frequentemente adottato per esprimere, in qualche misura, una valutazione personalizzata delle probabilità di sopravvivenza di un soggetto, consiste nell’adozione di convenienti modelli atti ad alterare la mortalità rispetto a quella espressa da una tavola o da una funzione d’intensità ritenute standard. Diviene così possibile esprimere “aggravamenti” o, viceversa, “riduzioni” di mortalità. Il processo di accertamento dei livelli assunti dai vari fattori di rischio, in corrispondenza ad un dato soggetto all’ingresso in assicurazione e, quindi, il suo inserimento in una classe di premio è solitamente chiamato “selezione del rischio”, o underwriting nella terminologia anglosassone. Tale momento di valutazione della

Anteprima della Tesi di Valentina Tulli

Anteprima della tesi: L’influenza dei test genetici sull’underwriting dell’assicurazione vita, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Valentina Tulli Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1592 click dal 01/07/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.