La progettazione della sicurezza per la galleria Rufoli dell'A3 Salerno-Reggio Calabria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile La progettazione della sicurezza per la galleria Rufoli della A3 Salerno - Reggio Calabria 3 PREMESSA L’argomento preso in considerazione riguarda la progettazione della sicurezza per la galleria Rufoli dell’A3 Salerno – Reggio Calabria. Si osserva in via preliminare, quanto ai fattori d’incidentalità delle gallerie stradali, come le insidie si annidino prevalentemente nelle aree di transizione agli imbocchi, mentre la parte centrale della galleria è generalmente più sicura delle tratte a cielo aperto. Solitamente questo fatto s’interpreta considerando che la galleria non è soggetta alle turbative della circolazione, quali i fattori meteorologici (neve, ghiaccio, vento…), intersezioni, ecc. Tuttavia la gravità che può essere raggiunta, in via straordinaria, da alcuni eventi incidentali in galleria è motivo di giustificata attenzione da parte delle istituzioni, degli operatori e dei progettisti. Gli incidenti in galleria causano spesso conseguenze molto gravi, soprattutto per la frequente perdita di vite umane, e le recenti sciagure avvenute nel Traforo del Monte Bianco (marzo 1999, 39 vittime), nel traforo di Tauern in Austria (maggio 1999, 12 vittime), e nel tunnel Sankt Gotthart hanno determinato l’ampliamento del dibattito in tema di sicurezza delle gallerie stradali. Nella seguente tabella si riportano gli incidenti gravi avvenuti dal 1940 a oggi all’interno delle gallerie stradali:

Anteprima della Tesi di Simone Puliani

Anteprima della tesi: La progettazione della sicurezza per la galleria Rufoli dell'A3 Salerno-Reggio Calabria, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Simone Puliani Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1184 click dal 12/03/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.