Skip to content

Le nuove tendenze del presidenzialismo in Europa: il caso spagnolo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
17 alle modalità con cui sono ripartiti e condivisi i rispettivi poteri e le proprie funzioni sovrane19. Come è noto, uno dei principi cardine dello Stato liberal-democratico è quello della separazione dei poteri20, cui è strettamente connesso lo studio delle attuali forme di governo21. Rispetto alla sua idea classica, gli elementi che contribuiscono a differenziare la moderna concezione della divisione dei poteri sono22: a) la sempre più diffusa commistione tra competenze del potere legislativo e di quello esecutivo. Il primo non manca di esercitare funzioni di tipo amministrativo o giurisdizionale (esempio: emanazione di leggi provvedimento, cioè leggi che 19E‟ indubbio che la forma di Stato influisce anche sulla forma di governo che si realizza. Detto in termini pratici, all‟affermarsi dello Stato assoluto non poteva che affiancarsi una forma di governo in cui tutte le funzioni sovrane (potere legislativo, potere esecutivo e potere giurisdizionale) fossero accentrate nella persona del re, dando vita a una monarchia assoluta. Allo stesso modo, l‟affermarsi dello Stato liberale (connotato dal costituzionalismo, dal principio della separazione dei poteri e dall‟attribuzione della sovranità alla nazione e poi al popolo) ha inevitabilmente portato a una separazione delle funzioni che in precedenza erano concentrare in capo alla figura del re, dando vita a diverse forme di governo. Cfr. M. Fioravanti (a cura di), Lo Stato moderno in Europa, Bari, Laterza, 2002, pp. 3-36; M. Fioravanti, Costituzione, Collana “Lessico della politica”, Bologna, Mulino, 1999, pp. 71-139. 20 In virtù di tale principio, ogni funzione statale (legislativa, esecutiva, giudiziaria) deve essere esercitata da organi diversi (rispettivamente: Parlamento, governo, magistratura), ciascuno dotato di proprio potere di decisione, senza interferenze tra l‟uno e l‟altro. La teorizzazione del principio, come noto, risale a Montesquieu ne «Lo spirito delle leggi» (1748). Attualmente la dottrina e la stessa pratica costituzionale sono consapevoli dell‟impossibilità di applicare rigorosamente tale principio nella complessa dinamica costituzionale. Molti meccanismi, infatti, sfuggono a tale rigida tripartizione, con la conseguenza che, nella maggioranza degli Stati attualmente esistenti, una forma di governo che preveda una netta separazione delle diverse funzioni rappresenta un‟eccezione, rispetto alla regola che invece privilegia forme di governo miste. Cfr. F. Modugno, Diritto pubblico generale, cit., pp. 84-86. 21 Lavagna, ad esempio, richiamando la dottrina contemporanea, basa la distinzione tra le forme di governo «sulla diversa attuazione del principio della separazione dei poteri, variamente integrato da altri criteri, quale quello del capo dello Stato, della titolarità del potere di indirizzo politico e della sociologia partitica», per cui «la classificazione dominante è […] tra monarchie limitate (praticamente ormai scomparse), governi presidenziali, governi di tipo parlamentare e governi direttoriali, tutti contrapposti ai sistemi in cui la divisione dei poteri manca o è resa sterile da altre circostanze, quali le monarchie assolute, i governi dittatoriali ed i governi monopartitici». Seguendo il Montesquieu dello «Spirito delle leggi», repubblicani sarebbero tutti quei governi che non hanno un capo ereditario, e quindi che hanno un capo elettivo e rappresentativo; come tali, dunque, sarebbero contrapposti ai governi monarchici. Cfr. C. Lavagna, cit., Istituzioni di diritto pubblico, pp. 484 e 501. 22 M. Volpi, Le forme di Stato. Le forme di governo, in G. Morbidelli, L. Pegoraro, A. Reposo, M. Volpi, Diritto pubblico comparato, cit. , p. 310.
Anteprima della tesi: Le nuove tendenze del presidenzialismo in Europa: il caso spagnolo, Pagina 8

Indice dalla tesi:

Le nuove tendenze del presidenzialismo in Europa: il caso spagnolo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ugo Ferrero
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Studi Europei, 99/S
  Relatore: Maria Elisabetta de Franciscis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aznar
berlusconi
calvo sotelo
de franciscis
elia
ferrero
fiducia parlamentare
forma di governo
forma di stato
gonzalez
lippolis
parlamentarismo
presidenzialismo
presidenzializzazione
razionalizzazione
sfiducia costruttiva
spagna
suarez
unione europea
zapatero

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi