Skip to content

La prensa española y el 15-M. Análisis de procedimientos de cita

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 negación, la ironía, el sarcasmo y otras estrategias discursivas. Thompson (1996) propone como definición del discurso referido como las voces que están señaladas en el texto, o sea, todo tipo de fragmento de lenguaje donde el hablante o el autor señalan de alguna manera que otra voz está participando en el texto, también en el caso de que lo haga de forma encubierta o ambigua. Bolívar y Betancourt (2002) sostienen que dentro de una interpretación evaluativa, la atribución de la información se define como señales lingüísticas empleadas por los autores de textos para indicar que se comprometen o no con los contenidos de las proposiciones expresadas. En este enfoque, la atribución de la información se logra lingüísticamente tanto cuando el responsable de la información asigna el contenido de las proposiciones a sí mismo, como a otras personas e instituciones. Cuando se enuncia la fuente que proporciona la información, se manifiesta una posición o una actitud que depende del uso del condicional, de giros lingüísticos o de la elección de verbos de comunicación en lugar de otros. A este propósito, Bolívar (1996) afirma que los verbos de acción mental, al interpretar ideas, son menos neutrales que los verbos de decir, por lo que es muy probable que las palabras que siguen en el mensaje citado sean en realidad las opiniones del periodista. Como se acaba de ver, el discurso en la prensa puede ser manipulado ya que hay una especie de interacción entre el discurso referido marcado-no marcado por una parte, y no marcado-integrado, por la otra, generando así una estrategia que el locutor emplea para borrar al sujeto originario y hace como si lo dicho le perteneciera solo a él (Charaudeau, 2003). El discurso referido se puede estructurar de distintas formas. Principalmente distinguimos: el estilo directo, el estilo indirecto, el estilo cuasi indirecto y las citas implícitas. En el estilo directo hay una referencia total o parcial en una construcción que supuestamente es reproducida tal como fue enunciada y que dejan entender que el relatador no tiene autonomía en lo dicho, en tanto que se dice que renuncia a su propia voz. Normalmente se señala a través de distintas marcas, que pueden variar de un periódico a otro. Una de las marcas mayormente conocidas son los dos puntos y las comillas. Cuando se reproduce de manera parcial, se asiste a una fragmentación que produce un efecto de subjetivación porque se impone la mirada del lector hacia una parte específica del dicho original. Según dice Reyes (1993) en el estilo directo la responsabilidad de las palabras citadas – y consecuentemente su punto de vista y valoraciones - se atribuyen al autor originario. La presencia de polifonía se encuentra en la objetividad o menos de esta forma de citar. Sacar una cita fuera de contexto o seleccionar un específico párrafo de las declaraciones de alguien pueden constituir la premisa de una manipulación mediática.
Anteprima della tesi: La prensa española y el 15-M. Análisis de procedimientos de cita, Pagina 4

Preview dalla tesi:

La prensa española y el 15-M. Análisis de procedimientos de cita

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Pantaleoni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: L-12 - Classe delle lauree in Mediazione linguistica, D.M. 270/2004
  Relatore: Jordi Canals Pinas
  Lingua: Spagnolo
  Num. pagine: 141

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

linguaggio
giornalismo
manipolazione
el país
polifonia
discorso diretto
la razòn
tecniche manipolazione
polifonia testuale
discorso indiretto
discorso implicito
discorso mascherato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi