Donne: tra Fascismo, Guerra e Resistenza (1925 - 1945)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 INTRODUZIONE Nel Novecento ci sono state, nonostante tutto, rivoluzioni positive: penso all’emergere del quarto stato, penso alla donna, che dopo secoli di repressione è riuscita a venire alla ribalta. Rita Levi Montalcini I. Ancora alle soglie del XX secolo l’immagine della donna corrispondeva a quella di figlia, moglie e madre, sottomessa prima al padre e poi al marito. Dal punto di vista giuridico, per trovare conferma di tale subordinazione, non occorre volgere il nostro sguardo tanto lontano. Basta infatti tener presente il Codice civile napoleonico 1 , il quale, imbevuto di un “rozzo maschilismo” 2 , ribadiva tale subordinazione. Se da un lato infatti fu mantenuto il diritto al divorzio, dall’altro lato fu mantenuta e rafforzata l’autorità maritale, ribadendo l’inferiorità giuridica delle donne ed escludendole anche dalla cittadinanza politica 3 . Tale Codice 4 sancì quindi per un secolo e mezzo la subordinazione delle donne, non solo nei diritti politici, ma 1 Tale codice, promulgato nel 1804, lasciò un’impronta assai profonda e duratura sulla Francia e nei territori nei quali fu introdotto. La parte del codice civile che ha lasciato profonde tracce nella legislazione di molti paesi europei fu il codice Napoleone, ovvero quella parte del codice che riguardava la famiglia, il sistema successorio e il ruolo delle donne. AA.VV. Storia Moderna, Donzelli, pag. 587. 2 Sledziewski E.G., Rivoluzione e rapporto fra i sessi. La svolta francese, in Duby e Perrot, Storia delle donne, L’Ottocento, Fraisse G. e Perrot M. (a cura di), 2002, Editori Laterza, pag. 39. 3 La donna quindi considerata una figura secondaria e definita solo in rapporto all’uomo, non era considerata un soggetto in grado di esercitare capacità giuridica. 4 Vale la pena ricordare che nonostante la sua l’arretratezza nei confronti della condizione della donna – come già precisato – il Codice fu percepito dai contemporanei come troppo moderno. Fu aspramente criticato poiché incrinava l’unità del patrimonio

Anteprima della Tesi di Veronica Crispino

Anteprima della tesi: Donne: tra Fascismo, Guerra e Resistenza (1925 - 1945), Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Veronica Crispino Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9009 click dal 09/11/2012.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.