Donne: tra Fascismo, Guerra e Resistenza (1925 - 1945)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 libertà, di un mondo migliore fatto di uguaglianza e comprensione reciproca, che per molti mesi le partigiane avevano disegnato a tinte brillanti nei loro cuori. Per molte la Resistenza fu il periodo più bello della vita, ma ciò che seguì nei giorni della Liberazione fu un vero e proprio choc e forse l’ultima e più avvilente violenza sulle donne del periodo bellico, ma la prima perpetrata su di loro dalla nuova Italia del dopoguerra. Nonostante questa delusione, espressa in numerose testimonianze, non si può trascurare il fatto che la Resistenza fu per molte donne un’ occasione irripetibile di scoprire e vedere la vita, la storia e la politica da una nuova ottica. Oltre al diritto al voto e alla Costituzione del 1948, l’altra grande conquista, frutto di questo periodo, fu la scoperta che le donne fecero di se stesse e della loro straordinaria forza: «A parte la possibilità che la donna ha di andare avanti nelle carriere, quello che vedo di più, in senso generale, è proprio che la donna è riuscita a scoprire se stessa, la forza che ha; aver acquisito questa coscienza è la cosa principale.» 3 Questo lavoro prende le mosse dal già citato libro di Rachele Farina e Anna Maria Bruzzone, La Resistenza taciuta, nel quale le due autrici danno spazio e voce alle testimonianze di dodici vite di partigiane piemontesi, le quali parteciparono al movimento di liberazione, esponendosi senza esitare a tutti i rischi che la lotta comportava. La riflessione su questo testo mi ha permesso di comprendere che il ruolo delle donne nella Resistenza andava al di là del caratteristico ruolo della staffetta. Le donne erano state essenziali e determinanti e avevano svolto qualunque tipo di ruolo, in armi e senz’armi, nel fango e nella neve. Le riflessioni da esse condotte sul sull’ideologia fascista, sul contesto bellico, sui lavori svolti da 3 Testimonianza di Elsa Oliva (Elsinki) in Bruzzone A. M. – Farina R., La resistenza taciuta, Dodici vite di partigiane piemontesi, Bollati Boringhieri, Torino, 2003, pag. 124.

Anteprima della Tesi di Veronica Crispino

Anteprima della tesi: Donne: tra Fascismo, Guerra e Resistenza (1925 - 1945), Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Veronica Crispino Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9009 click dal 09/11/2012.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.