Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La dichiarazione fraudolenta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 sono penali le pene principali della reclusione e della multa o dell’arresto e dell’ammenda contemplate rispettivamente per i delitti e le contravvenzioni dall’art. 17 5 del c.p. e le pene accessorie previste dall’art. 12 del D.Lgs. n. 74 del 2000 per i delitti tributari. È, dunque, illecito amministrativo tributario quello per il quale la legge commina sanzioni amministrative, mentre si configura un illecito penale tributario ogniqualvolta la legge prevede sanzioni penali. I due tipi di illecito tributario – amministrativo e penale – ipotizzabili nel nostro ordinamento, a prescindere dalle differenze derivanti dalla specificità delle rispettive discipline sanzionatorie, sono per il resto omologhi, in quanto caratterizzati non soltanto da una sostanziale identità di struttura, ma anche dalla identità dell’interesse protetto che, con un certo margine di approssimazione, può essere identificato con l’interesse dello Stato alla regolare e tempestiva percezione dei tributi. Si può, quindi, affermare che gli illeciti amministrativi tributari e gli illeciti penali tributari – ossia i reati tributari – altro non sono che species di un più ampio genus di illecito tributario che, in certo qual modo, ne costituisce il modello paradigmatico. In particolare, sono qualificabili come «reati tributari» gli illeciti penali specificatamente destinati a sanzionare la violazione di disposizioni poste a tutela dell’interesse alla corretta percezione dei tributi e dell'esercizio dei poteri di accertamento, controllo e riscossione dei tributi che spettano all’Amministrazione finanziaria, con particolare riguardo allo specifico campo delle imposte dirette e dell’imposta sul valore aggiunto. Una conferma dell’esattezza di tale assunto e, cioè, che l’ambito di operatività è circoscritto ai soli tributi sopra indicati, si trae, del resto, da un dato normativo non equivoco e, precisamente, dal fatto che per lunga e consolidata tradizione legislativa nel nostro sistema penale tributario sono stati contemplati per lo più reati in materia di imposte sui redditi e IVA, mentre la tutela degli altri tributi normalmente è rimasta affidata a sanzioni di carattere amministrativo. Si può, pertanto, ritenere che i reati tributari costituiscano una categoria omogenea e autonoma di illeciti, caratterizzati dall’oggettiva peculiarità di 5 L’art. 17 del c.p. prevede che «Le pene principali stabilite per i delitti sono: l’ergastolo; la reclusione; la multa. Le pene principali stabilite per le contravvenzioni sono: l’arresto; l’ammenda».

Anteprima della Tesi di Ernesta Di Vita

Anteprima della tesi: La dichiarazione fraudolenta, Pagina 7

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Ernesta Di Vita Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3464 click dal 22/02/2013.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.