Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Maltrattamenti e abusi intrafamiliari sui minori: conseguenze, prevenzione, interventi.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 2. Le diverse forme di maltrattamento verso i minori. In Italia, nonostante in letteratura vi siano numerosi contributi precedenti, si parla di maltrattamento e abusi sui bambini a partire dalla fine degli anni ottanta. Il nostro Paese ratifica la Convenzione Internazionale dell’ONU sui diritti dell’infanzia nel 1991 e, negli anni successivi, sorgono i primi centri dedicati ad affrontare tali situazioni problematiche con importanti ripercussioni sulla formazione degli operatori, sulla cultura e l’organizzazione dei servizi per l’infanzia e, per quanto riguarda la clinica, sull’approccio diagnostico e terapeutico (Bonello & Scali, 2011). Il primo problema che coloro che si occupano di violenza sui minori devono affrontare è quello di specificarne un significato generale e condiviso. L’ampia definizione formulata dall’OMS nel 2002 (http://www.who. int/topics/child_abuse/en/; Azzurro.it), ispirata alla Convenzione dei diritti del fanciullo, dichiarava che per maltrattamenti all’infanzia si intendono tutte le forme di cattiva cura fisica e psicologica, di abusi sessuali, di trascuratezza o di trattamento negligente, di sfruttamento lavorativo o di altro genere, che comportano un pregiudizio reale o potenziale per la salute del bambino, la sua sopravvivenza, il suo sviluppo o la sua dignità nel contesto di una relazione di responsabilità, di fiducia o di potere. Si tratta di una definizione che supera sia i problemi relativi all’intenzionalità o meno del perpetratore rispetto ai comportamenti commissivi od omissivi sia le questioni che riguardano le azioni commesse, che vengono riconosciute come lesive indipendentemente dalla gravità delle cause che hanno portato all’episodio di violenza e delle conseguenze prodotte sul minore (Manna & Como, 2010). Inoltre include sia forme di violenza che possono verificarsi in contesti intrafamiliari, ma anche quelle che si manifestano in ambienti extrafamiliari. Sostanziale è la differenza tra i paesi occidentali, nei quali prevalgono forme di

Anteprima della Tesi di Carlotta Bertoni

Anteprima della tesi: Maltrattamenti e abusi intrafamiliari sui minori: conseguenze, prevenzione, interventi., Pagina 3

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Carlotta Bertoni Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3354 click dal 07/11/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.