Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il management del settore radiofonico e le sfide della multimedialità: analisi di casi emblematici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La radio del granducato di Lussemburgo era già attiva dal 1933 e venne concepita sin dall’inizio di tipo americano, musicale e ballabile. Già dai primi anni si “fece sentire” in tutto il continente europeo grazie alla potenza dei propri trasmettitori, decisamente superiore per l’epoca. Occupata durante la guerra dai tedeschi, venne usata per la propaganda nazista verso l’Inghilterra. Dopo la guerra divenne la più americana e commerciale delle radio europee, estremamente all’avanguardia. Per la Bbc, Radio Lussemburgo era una concorrente decisamente fastidiosa: gli inglesi preferivano infatti i programmi del granducato a quelli della madrepatria. Le ragioni erano diverse, ma soprattutto dettate dall’originalità dei brani trasmessi, dall’uso della lingua inglese e dalla nitidezza del segnale, inizialmente irradiato da una nave posta in acque internazionali. Delle radio pirata degli anni sessanta Radio Lussemburgo è l’unica attualmente operativa (sulla storica frequenza 1440 Khz), ma ha cambiato da pochi anni denominazione in “RTL” (fa parte del gruppo RTL tedesco), lingua utilizzata (il tedesco o il francese), pur mantenendo intatta la formula di programmazione. E’ grazie a Radio Lussemburgo che nel corso degli anni Sessanta si diffonde a macchia d’olio in tutta l’Europa lo stile della «Swinging London» dei Beatles e dei Rolling Stones (Del Forno-Perilli 1997, 15). Inizialmente il nuovo genere musicale era ritenuto troppo estremo per un pubblico così abituato alle tradizioni come quello inglese. Radio Lussemburgo agì senza concorrenza fino a quando nacquero altre radio pirata come Radio Veronica e Radio Caroline, decisamente più trasgressive. Esse forzarono il blocco delle radio di servizio pubblico nei confronti delle nuove culture musicali, consentendo loro di affermarsi in tutta l’Europa. Le radio di servizio pubblico reagirono diversamente: nel 1967 la Bbc ristrutturò la propria programmazione definendo la prima rete come ‘radio dei giovani’ (ancora oggi 1Fm è la prima radio ascoltata dai teen-agers inglesi) e portando la figura del disc- jockey nei suoi programmi. Prodotto da esportazione è, a partire dal 1966, anche Radio Montecarlo, colonna sonora delle estati tirreniche, unica area italiana inizialmente raggiunta dal segnale in onde medie. A differenza di Radio Lussemburgo era una radio che parlava in italiano e trasmetteva musica decisamente innovativa per l’epoca,

Anteprima della Tesi di Federico Stella

Anteprima della tesi: Il management del settore radiofonico e le sfide della multimedialità: analisi di casi emblematici, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Federico Stella Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2048 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.