Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo della tecnica metaforica ed il ruolo del narratore in quattro opere del primo William Golding: ''The Inheritors''(1955), ''Pincher Martin''(1956), ''Free Fall''(1959) e ''The Spire''(1964)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE: GOLDING ED IL SUO TEMPO Alla figura del letterato nostalgico e conservatore si affianca quella dello scrittore come fustigatore dei mali sociali e non più come semplice osservatore. Essa prende forma nel gruppo degli “angry young men” (i “giovani arrabbiati”). Esso contesta le iniquità delle regole sociali dove il perbenismo borghese calpesta con l’ipocrisia i diritti delle classi inferiori ad affermarsi in un ‘establishment’ sempre più settario. Il potenziamento dello stato assistenziale dopo l’attuazione del piano Marshall di aiuto alle nazioni europee devastate dalla guerra (1947), non aveva saputo offrire pari opportunità di miglioramento per tutti i cittadini; da qui il senso di frustrazione e di rabbia. Questa corrente letteraria, innovativa per l’immediatezza del linguaggio e per lo spirito di contestazione verso il sistema politico inglese, trova nell’opera teatrale Look back in Anger (1956) di JOHN OSBORNE (1929) il suo manifesto. Tale movimento avrà breve durata, ma pone l’accento sulla questione della effettiva democraticità del mondo in cui viviamo, dove gli equilibri sociali risultano da un compromesso intollerabile con i più forti. Un punto di incontro fra i “giovani arrabbiati” e gli “Inklings”, sebbene da prospettive diverse, è il loro rifiuto del modernismo di T. S. Eliot e di EZRA POUND (1885-1972), di cui non condividono la sperimentazione e l’eccesso di erudizione poetica. Inoltre, entrambi i gruppi sembrano voler riscoprire l’insularità della letteratura inglese, il suo carattere prettamente nazionale. Molti autori modernisti, al contrario, sono emigrati all’estero oppure provengono da altri paesi anglofoni.

Anteprima della Tesi di Luigi Gussago

Anteprima della tesi: Lo sviluppo della tecnica metaforica ed il ruolo del narratore in quattro opere del primo William Golding: ''The Inheritors''(1955), ''Pincher Martin''(1956), ''Free Fall''(1959) e ''The Spire''(1964), Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Luigi Gussago Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2022 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.