Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione del ruolo e delle politiche del Fondo Monetario Internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.4 Proposta degli Stati Uniti – il piano White Il piano elaborato dalle autorità politiche e monetarie degli Stati Uniti, guidate da Harry Drexter White, si configurava come meno innovatore rispetto a quello di Keynes e presentava numerosi agganci con il vecchio sistema solo parzialmente modificato. Esso prevedeva la costituzione di uno Stabilization Fund, col compito di evitare crisi di liquidità internazionali, e di una Banca per la ricostruzione e lo sviluppo. Gli obiettivi erano sempre la stabilità dei cambi, il superamento degli squilibri nelle bilance dei pagamenti, e la creazione di condizioni favorevoli per lo sviluppo del commercio internazionale, superando il bilateralismo e le restrizioni agli scambi internazionali. Il piano White imponeva che lo Stabilization Fund (a differenza della Clearing Bank) fosse realmente dotato, da parte dei paesi membri, di mezzi propri effettivamente versati in oro e titoli di stato. I cambi sarebbero stati anche in questo caso fissi ma con la possibilità di fluttuare entro determinati margini; essi, comunque, potevano essere modificati solo in caso di squilibri “fondamentali” e con il sostegno di ¾ dei voti dei paesi membri. In caso di accumulazione di posizioni creditorie eccessive era prevista la “clausola della moneta scarsa”, attraverso la quale il Fondo avrebbe provveduto ad acquistare tale moneta ripartendone l’offerta tra i paesi. Le autorità americane temevano, in particolare, che il piano britannico di clearing union –attraverso il meccanismo degli scoperti- comportasse un eccesso di prelievo da parte dei paesi con difficoltà nei pagamenti, e che questo avrebbe alimentato e diffuso tendenze inflazionistiche. In più, da parte americana, si avvertiva una tendenza a legare in maniera più stringente la valuta di riferimento all’oro anche perché alla fine della seconda guerra mondiale gli Stati Uniti possedevano quasi il 60% delle riserve auree mondiali.

Anteprima della Tesi di Giuseppe Nobile

Anteprima della tesi: L'evoluzione del ruolo e delle politiche del Fondo Monetario Internazionale, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Nobile Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6349 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 39 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.