Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi delle condizioni per l'utilizzo della logistica integrata nel distretto del salotto: la situazione attuale tra minacce esterne e concrete opportunità per la creazione di valore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 1. Introduzione In questa prima parte introduttiva si cerca di fornire al lettore alcune nozioni utili per inquadrare il lavoro nella sua totalità e alcuni dati e tendenze che avvalorano le conclusioni a cui si giunge alla fine del presente rapporto. 1.1 Il concetto di distretto Il distretto industriale, o business cluster secondo la terminologia anglosassone, rappresenta un fenomeno di sviluppo del territorio nel quale interagiscono diverse componenti, non tutte facenti parte della stretta sfera economica. Nell'analisi e nelle dinamiche evolutive dei distretti industriali intervengono, infatti, elementi legati sia all'economia e al business in senso stretto, ma anche alla geografia economica, al contesto socioeconomico e perfino a quello culturale di un determinato territorio. Esistono varie definizioni tese a sintetizzare il fenomeno, ma per rendere l’idea riportiamo qui la “non definizione” di Giovanni Schiuma 1 , il distretto “si presenta come un sistema localizzato d’imprese, generalmente di piccola e media dimensione con un forte legame al territorio e al contesto socio-culturale di riferimento, altamente specializzate ed integrate tra loro lungo una specifica filiera produttiva”. 1.2 Il concetto di logistica ed il suo crescente peso a livello strategico Con il termine logistica s’intende “la pianificazione, la realizzazione, e controllo di flussi e stoccaggio, in modo da renderli efficienti ed economici, delle materie prime, dei prodotti in corso di lavorazione e dei prodotti finiti, dal luogo d’origine al luogo di consumo al fine di soddisfare le aspettative del cliente” (Council of Logistics Management, CLM USA). La suddetta definizione di logistica contrasta con l’idea tradizionalmente diffusa, e per lo più “ristretta” e semplicistica, che associa a questo termine solo quello di movimentazione di merci da un punto di origine A ad uno di destino B, ed identifica, di conseguenza, in questa funzione aziendale solo un centro di assorbimento di costi che ha come obiettivo principale quello di minimizzarli. 1 Direttore scientifico LIEG, Università della Basilicata.

Anteprima della Tesi di Caterina Antonacci

Anteprima della tesi: Analisi delle condizioni per l'utilizzo della logistica integrata nel distretto del salotto: la situazione attuale tra minacce esterne e concrete opportunità per la creazione di valore, Pagina 3

Tesi di Master

Autore: Caterina Antonacci Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2429 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.