Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina dell'Unione europea sulla tutela dei beni culturali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 l’assenza all’interno dell’impianto originario del Trattato CE di specifici poteri per la protezione dei beni culturali. Tuttavia, con il miglioramento della situazione economica e sociale, ci si accorse che si poteva andare oltre il reddito e la produttività, si poteva immaginare una cooperazione più politica e che investisse il campo della cultura. E’ a questo punto che appare la prima azione comunitaria nel settore culturale. 2 L’azione, decisa dalla Commissione nel settembre 1974 e approvata all’unanimità dal Parlamento Europeo nel 1976, era caratterizzata da una serie di punti 3 , analizzando i quali traspariva che al settore culturale erano legati problemi tipicamente economici, come la libertà di circolazione e stabilimento dei lavoratori culturali, che potevano essere affrontati utilizzando gli articoli del Trattato CEE. Dello stesso periodo, data infatti 1976, è il “Rapporto sull’Unione Europea” 4 presentato da Leo Tindemans, Primo Ministro del Belgio. Inquadrato cronologicamente in un momento foriero di speranze per 2 Significativo è quanto dice in questa occasione Robert Gregoire, Commissario Europeo alla cultura, nell’articolo L’action communautaire dans le secteur culturel in Diritto comunitario e degli scambi internazionali, 1976, 458: “Ieri era troppo presto, domani poteva essere troppo tardi.” 3 L’azione è pubblicata nel Bollettino CEE, 1977, suppl. n. 6. Per un’analisi più dettagliata degli obiettivi di quest’azione comunitaria vedi Robert Gregoire, op.cit., 458. L’azione comportava in particolare: semplificazione delle formalità amministrative per il libero scambio dei beni culturali nei Paesi della Comunità; libertà di circolazione e stabilimento dei lavoratori culturali; aiuto ai giovani lavoratori culturali che desiderano fare stage professionali in un Paese della Comunità; eliminazione degli ostacoli fiscali per lo sviluppo delle fondazioni culturali e dei mecenati; ravvicinamento delle legislazioni nazionali in materia di diritto d’autore e di tutti gli altri diritti concernenti i lavoratori culturali; preparazione culturale dell’Unione Europea; salvaguardia del patrimonio architettonico (anche attraverso il finanziamento e la crescita di esperti restauratori); lotta contro i furti di opere d’arte. 4 Il è stato indirizzato al Consiglio il 29 dicembre 1975 e reso pubblico il 7 gennaio 1976; è stato pubblicato in Bollettino delle Comunità Europee, suppl. 1/76, 5. Cenni sul suo contenuto sono contenuti in N.P. Il : una parola definitiva sull’Unione Europea?, in Diritto comunitario e degli scambi internazionali, 1976, 158.

Anteprima della Tesi di Vincenzo Carrieri

Anteprima della tesi: La disciplina dell'Unione europea sulla tutela dei beni culturali, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Vincenzo Carrieri Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5086 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.