Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le professioni legali in Italia in Età Liberale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 2. ALLE ORIGINI DEL NOTARIATO ITALIANO: DALL’EMERSIONE DELLA FIGURA DEI REDATTORI PRIVATI DI DOCUMENTI NEL PERIODO CLASSICO AL- LA DISCIPLINA GIUSTINIANEA DEL TABELLIONATO. I. E’ possibile affermare che l’istituto moderno del notariato corrisponde, senza essenziali differenze, all’istituto medioevale, non essendo conosciuto un precedente d’epoca romana. Se proprio si vo- lesse andare alla ricerca di una figura analoga nell’antichità, essa non va, certamente, individuata in quella del notarius giacché in ori- gine esso non era altro che un mero stenografo, ma in quella del ta- bellio. Tuttavia è opportuno sottolineare come nell’organizzazione medievale del notariato assunsero estrema importanza alcuni passi del Corpus Juris che, in realtà, parlano dei tabelliones e della loro documentazione. La parola tabellio compare tra il II ed il III sec.D.C. ad indicare una classe professionale di redattori privati di documenti, che costi- tuiscono il faticoso risultato di una disorganizzata e caotica attività di scrivani poco o nulla competenti, tra cui sono presenti anche gli stessi notari (o stenografi). La mancanza, in origine, di un notariato, almeno privato, a Ro- ma, quando invece altri popoli antichi conoscevano anche figure di pubblici funzionari per la stesura dei documenti, è facilmente spie-

Anteprima della Tesi di Loredana Salvati

Anteprima della tesi: Le professioni legali in Italia in Età Liberale, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Loredana Salvati Contatta »

Composta da 297 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2421 click dal 18/05/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.