Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le professioni legali in Italia in Età Liberale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 gabile ricordando il carattere prettamente orale della negoziazione giuridica romana 1 . Tuttavia, ben presto, s’impose la necessità di un documento che for- nisse la prova del negozio in esso attestato, anche se quest’ultimo continuò a realizzarsi oralmente, assumendo esistenza giuridica in- dipendentemente dalla sua documentazione. L’origine, poi, del documento romano è stato oggetto attento di studi ma altrettanto non può dirsi dei redattori dei documenti stessi 2 . Partendo dal presupposto che, per la maggior parte dei documenti non era richiesta una gran preparazione, non stupisce che i ricchi pa- trizi si siano serviti di schiavi o liberti, mentre la restante massa ple- bea si sia rivolta a scribi, spesso forniti di una certa tecnica giuridica, tra cui anche i notari 3 . 1 Un caso classico può essere la mancipatio che aveva come funzione quella di trasferire la proprietà dei beni di maggio rilievo economico. Essa si realizzava attraverso un complesso rito orale. 2 E. DURANDO, Il tabellionato o notariato nelle leggi romane, nelle leggi me- dioevali italiane e posteriori, Torino, 1897, pag. 24-60. La forma tipica del do- cumento era quella delle tavolette cerate, riunite in dittici, trittici o polittici, solo successivamente verrà utilizzato il papiro. Sulle tavolette, il documento veniva scritto due volte, cioè con una scripta interior, sigillata, ed una esterior, acces- sibile.Per quanto riguarda la stilizzazione, ve ne era una oggettiva e cioè la te- statio, nell’ambito della quale si riferivano in terza persona i comportamenti delle parti e le loro dichiarazioni, ed una soggettiva, chirografum, in cui le di- chiarazioni erano in prima persona e si riferivano ad un fatto già svolto. Per MENEGOZZI, La città italiana nell’alto medioevo, Roma, 1914 gli ordinamen- ti giuridici antichi distinguevano tra documento costitutivo e documento proba- torio, tuttavia questi non erano considerati come elementi essenziali per l’integrazione della fattispecie negoziale, svolgendo un ruolo alquanto margina- le di prova del negozio in essi attestati.

Anteprima della Tesi di Loredana Salvati

Anteprima della tesi: Le professioni legali in Italia in Età Liberale, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Loredana Salvati Contatta »

Composta da 297 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2421 click dal 18/05/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.