Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le professioni legali in Italia in Età Liberale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 teva garantirsi pretendendo garanzie reali 8 dal rappresentante (e na- turalmente per contro il procurator poteva far eseguire in proprio l’eventuale pronuncia favorevole al suo cliente). Per lo più tale uffi- cio non nasceva specificatamente per la rappresentanza in un giudi- zio ma, di solito, era lo stesso gestor che curava l’amministrazione patrimoniale o gli affari dell’interessato e che, in caso di bisogno, poteva assumere la veste di defensor. A differenza del cognitor, però, il procurator non deduceva in giudizio il rapporto sostanziale, portando a ritenere che si trattasse di un “sostituto processuale” 9 che di un rappresentante vero e proprio. Da ciò derivava che, deceduto il dominus litis, “post causam in jiudicio publicatam”, il procurator poteva portare a termine la cau- sa, dato che egli era “formalmente “ dominus. Inoltre l’incarico non poteva essere revocato post contestatam litem, ed il dominus non 8 ibid. e cioè poteva esigere dal procurator in veste d’attore la prestazione di una stipulatio: la cautio ratam rem dominum habitarum, con la quale il procu- rator prometteva che avrebbe risarcito l’altra parte qualora il dominus litis non avesse ratificato il suo operato.Dal procurator, con il ruolo di convenuto, l’attore esigeva invece la cautio iudicato solvi, la promessa cioè, mediante stipu- latio, che la sentenza di condanna sarebbe stata in ogni caso adempiuta. 9 C.rf. P. RASI, Avvocati e Procuratori (Diritto Romano), in Novissimo Dige- sto italiano, I/2, Torino 1958, pag1662. Attraverso la sostituzione processuale è concesso di “agire in nome proprio per far valere un diritto altrui” a differenza della rappresentanza in cui “si agisce in nome altrui per far valere un diritto al- trui”.In proposito vedi SATTA-PUNZI,in Diritto processuale civile,Cedam, Pa- dova 2000, pag 107.

Anteprima della Tesi di Loredana Salvati

Anteprima della tesi: Le professioni legali in Italia in Età Liberale, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Loredana Salvati Contatta »

Composta da 297 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2421 click dal 18/05/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.