Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 società maggiormente segnate dai processi di modernizzazione, molte scelte migratorie sono anche individuali. In altri termini, se nelle prime la scelta migratoria è effettuata in sintonia con la cultura, nelle altre essa rappresenta una scissione rispetto alla continuità culturale. La collocazione di una scelta migratoria all’interno dell’uno o dell’altro caso comporta, in ogni fase della migrazione, fenomenologie migratorie completamente diverse. Possiamo dunque assumere che le modalità delle scelte migratorie sono essenzialmente legate alla cultura, alle relazioni personali e sociali e al vissuto individuale o collettivo del soggetto migrante. Sul piano intrapsichico, l’aver anticipato piuttosto che subito completamente la partenza comporta vissuti molto diversi. È completamente diverso il vissuto di chi ha avuto il tempo e la possibilità di maturare sufficientemente una scelta, rispetto a chi l’ha completamente subita o l’ha maturata troppo in fretta. Le ragioni per le quali si decide di abbandonare il proprio paese sono quindi numerose: talvolta si è costretti a migrare per motivi politici; altre volte per ragioni economiche; in altri casi ancora si sceglie di migrare per cercare altrove una vita migliore. Il vissuto è condizionato dalle specifiche circostanze che hanno motivato il viaggio. I rifugiati politici, sottoposti a torture o a violenze di ogni genere nel loro paese di origine, hanno un passato traumatico premigratorio che influenza inevitabilmente il loro modo di vivere l’esilio. Risso e Frigessi descrivono, nel saggio A mezza parete. Emigrazione, nostalgia, malattia mentale (1982), la situazione drammatica degli immigrati italiani in Svizzera: “impiegati solo nella sfera produttiva; discriminati ed esclusi dalla partecipazione sociale e politica: questa contraddizione marca la situazione dell’emigrato. Cittadino in patria, nella società di origine dove ha

Anteprima della Tesi di Chiara Rosina Todaro

Anteprima della tesi: Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Rosina Todaro Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15769 click dal 29/09/2004.

 

Consultata integralmente 56 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.