Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 massiccia presenza di stranieri, con il suo corollario di luoghi comuni: l’attribuzione di cause quasi esclusivamente economiche alla decisione di migrare; la co-fusione delle molteplici realtà costitutive delle migrazioni (basti pensare a profughi, rifugiati, sfollati, richiedenti asilo eccetera) in un’unica categoria di persone. Losi auspica una lettura meno riduttiva dei fenomeni migratori, sia ai fini di politiche migratorie più intelligenti, sia – nello specifico – per la costruzione di strumenti e situazioni, anche cliniche, più idonee ad affrontare le psicopatologie da migrazione. L’enfasi che comunemente, nei processi migratori, viene data agli aspetti socioeconomici lascia troppo spesso sullo sfondo l’effetto ora destabilizzante, ora integrativo che essi hanno sul teatro del mondo interno. L’immigrazione determina la fluttuazione veloce delle persone, esponendole alla vulnerabilità della mancanza di una locazione e di un appoggio su “basi sicure”. In questo capitolo presenteremo il fenomeno migratorio soffermandoci su alcune ipotesi riguardanti il rapporto fra migrazione e disagio psichico.

Anteprima della Tesi di Chiara Rosina Todaro

Anteprima della tesi: Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Rosina Todaro Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15771 click dal 29/09/2004.

 

Consultata integralmente 56 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.