Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 e dell’economia americana. A partire dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, l’emigrazione si dirige soprattutto dai paesi del bacino del mediterraneo a quelli dell’Europa industrializzata. Le possibilità di spostamento e di comunicazione diventano così per i migranti immensamente più facili, la loro dislocazione si caratterizza quasi sistematicamente come temporanea e pendolare. Di recente il fenomeno migratorio ha mostrato nuove tendenze: allungamento della durata del soggiorno, sviluppo di una migrazione famigliare, dando luogo a un tasso più elevato del previsto di residenza definitiva. Cambiano anche le politiche migratorie dei paesi importatori di manodopera e si traduce in misure e disposizioni di riduzione o blocco netto dell’immigrazione in tutta Europa. Queste restrizioni si sono tradotte in una crescita dell’immigrazione clandestina e lavoro nero. Secondo Risso e Frigessi (1982) l’unico riferimento costante, quando si tratta di fenomeno migratorio, è quello iniziale di carattere politico ed economico: “la prima cosa che ci interessa è che una grande ingiustizia è stata perpetrata nei confronti di questa persona, il migrante in quanto tale è soggetto ed oggetto del mercato del lavoro” (ivi., p.185). Nella realtà delle migrazioni, pur esistendo in generale, almeno apparentemente, l’estrema indigenza come condizione di base che spinge alla partenza, devono verificarsi anche altre co- incidenze perché una scelta migratoria venga attuata. Tali co-incidenze possono riguardare tanto l’interno della situazione di potenziale partenza, quanto l’esterno e, in particolare, l’attrazione che può esercitare per svariati motivi la società di arrivo. Tenendo conto della complessità e dinamicità del fenomeno migratorio, è possibile sostenere che, mentre nelle società tradizionali con una forte identità culturale legata al gruppo di appartenenza, la scelta migratoria – come tutte le altre scelte – è designata dalla comunità, nelle

Anteprima della Tesi di Chiara Rosina Todaro

Anteprima della tesi: Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Rosina Todaro Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15771 click dal 29/09/2004.

 

Consultata integralmente 56 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.