Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'abusivismo finanziario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo 9 precondizione essenziale è che l’intermediario non sia “inquinato” 5 da esponenti della criminalità o comunque controllato da questi ultimi. Un intermediario disonesto pone come naturali obiettivi della sua attività economica non più la ricerca della redditività attraverso la migliore allocazione delle risorse; le sue finalità principali saranno quelle di massimizzare il profitto non curandosi degli obblighi di segnalazione imposti dalla legge ovvero di sostituire i proventi derivanti dalle attività illecite con denaro pulito. In secondo luogo, nella pratica giudiziaria, si è verificato che la maggior parte dei casi di usura si verificano quando il soggetto che concede il finanziamento non è abilitato all’esercizio dell’attività finanziaria 6 . Sotto questi aspetti, la funzione del reato di abusivismo finanziario è quella di anticipare la tutela penale relativa a fattispecie di reato - come il riciclaggio (art. 648 bis c.p.), l’impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (648 ter c.p.) e l’usura (644 c.p.) - socialmente molto dannose, e di porsi come uno degli strumenti di contrasto e lotta alla commissione di tali reati. 7 Emblematica è in questo senso la scelta del legislatore di introdurre - per la prima volta nel nostro ordinamento - il reato di abusivismo finanziario con un decreto legge nato per contrastare il fenomeno del riciclaggio, recante: “Provvedimenti urgenti … per prevenire l’utilizzo del sistema finanziario a scopo 5 L’espressione intermediario “inquinato” è di DONATO - MASCIANDARO, Criminalità e intermediazione, cit. 201. 6 Cfr. MANZIONE, Usura e mediazione creditizia. Aspetti sostanziali e processuali, Milano, 1998, 128; CAPERNA - LOTTI, Il fenomeno dell’usura tra esperienze giudiziarie e prospettive di un nuovo assetto normativo, in Banca, borsa, tit. di cred., 1995, I, 75 ss.; DE CAROLIS, L’abusivismo finanziario nella giurisprudenza della Suprema Corte: un reato imperseguibile?, in Giust. Pen., 2000, II, 109. 7 Crf. CRISCUOLO, L’esercizio abusivo di attività finanziaria: profili giuridici e strumenti di contrasto, in Cass. Pen., 1996, 1336.

Anteprima della Tesi di Elia Campanielli

Anteprima della tesi: L'abusivismo finanziario, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Elia Campanielli Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4496 click dal 12/10/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.