Skip to content

Il Servizio Sociale in Italia e nel Regno Unito. Due realtà a confronto

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il Servizio Sociale in Italia e nel Regno Unito. Due realtà a confronto, Pagina 3
18 
 
Prima dell’Ottocento le uniche forme di assistenza erano quelle dei monasteri 
esistenti fino al 1536, soppressi e sostituiti poi con le figure delle Work-House
39
, che 
iniziarono ad essere presenti nell’inizi del Settecento.  Tali strutture erano basate sulle 
prestazioni da parte dei detenuti. Le origini delle Work-House possono essere ricondotte 
alla Poor Law Act del 1388
40
 che fece da contrasto alla carenza di manodopera creatasi 
con il fenomeno della “morte nera”, ossia il periodo compreso tra il 1349 e il 1353 in cui 
la peste colpì quasi la metà della popolazione in Inghilterra. Tale legge fu approvata per 
la prima volta nel 1598 e mantenuta fino al 1948.  
La “vecchia legge povera” rappresenta una serie di atti e norme che vede 
l'avvicendarsi di modifiche e integrazioni nel corso degli anni, non era una legge ma una 
raccolta di leggi approvate tra il XVI e il XVIII secolo.  In generale stabiliva che la 
parrocchia doveva essere legalmente responsabile per la cura di coloro che all'interno 
delle mura, o per età o per infermità non fossero nelle condizioni di svolgere la mansione 
richiesta, inoltre la parrocchia era l'unità di base dell'amministrazione e venivano istituiti 
i Supervisori dei Poveri. Non c'era, tuttavia, alcuna regola generale attraverso la quale 
applicare la legge, infatti la sua adozione era spesso incoerente tra le aree.   Le pratiche 
di scarsa distribuzione dei soccorsi in Inghilterra e Galles vengono successivamente 
perfezionate dalla versione elisabettiana del 1601. L'unità amministrativa del sistema era 
ancora una volta la parrocchia. Non si trattava di una politica governativa centralizzata, 
ma di una legge che rendeva le singole parrocchie responsabili della legislazione per la 
legislazione per i poveri. Ci fu una forte riduzione delle vecchie forme di pene punitive e 
prese forma il sistema di Tudor verso metodi di "correzione". 
La Poor Law Amendement Act del 1834 (Legge di modifica della Legge per i 
Poveri), approvata dal governo presieduto da Earl Grey
41
, nacque principalmente per 
sostituire la precedente “Legge dei Poveri Elisabettiana” del 1601, nonché di modificare 
radicalmente il programma di riduzione della povertà in Inghilterra e Galles.  
                                                           
39
 Work-House - Sono istituzioni concepite per fornire lavoro e assistenza ai poveri e agli infermi, che 
furono attive in Inghilterra, ma anche in Olanda e nelle colonie inglesi d'America, dal XVII al XIX secolo. 
Fondate dalle parrocchie, alle quali la Poor Law del 1601 assegnò il compito di occuparsi dei poveri, 
scomparvero nel XX secolo con la definitiva affermazione del Welfare state. 
40
 La prima Poor Law nacque nel 1388 ecc. 
41
 Fu Primo Ministro del Regno Unito dal novembre 1830 al luglio 1834. Membro del Whig Party, è stato 
a lungo un leader di molteplici movimenti di riforma, in particolare il Reform Act del 1832. Il suo governo 
vide anche l'abolizione della schiavitù nell'impero britannico, in cui il governo acquistò schiavi dai loro 
proprietari nel 1833.

Preview dalla tesi:

Il Servizio Sociale in Italia e nel Regno Unito. Due realtà a confronto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Solazzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università del Salento Lecce
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze del servizio sociale
  Relatore: Anna Maria Rizzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi