Skip to content

Il prodotto marginale del lavoro (PML)


E’ la quantità aggiuntiva di prodotto che l’impresa ricava da ogni unità aggiuntiva di lavoro tenendo fissa la quantità di capitale.
PML = F (K, L+1) – F(K,L)




Dal PML alla domanda di lavoro. Per massimizzare il profitto un’impresa deve decidere se aumentare le unità di lavoro. L’aumento del ricavo indotto dall’utilizzo di un’unità  di lavoro dipende da 2 variabili: PML e il prezzo del prodotto. Poiché un’unità aggiuntiva di lavoro produce PML unità di prodotto la quale viene venduta al prezzo P, il ricavo aggiuntivo è pari a  PML × P; il costo aggiuntivo di un’unità di lavoro è pari a W; dunque la variazione del profitto è data da:        ΔProfitto = ΔRicavo (PML × P) – Δcosto (W)
SE il prodotto (PML × P) > W, l’unità di lavoro aggiunta fa aumentare il profitto fino a quando PML raggiunge il punto in cui il ricavo incrementale è uguale al salario reale.
La domanda di lavoro dell’impresa è determinata dall’uguaglianza PML × P = W. Da questa uguaglianza otteniamo che W/P rappresenta il salario reale, ossia la remunerazione misurata in unità di prodotto invece che in unità monetarie.
Tratto da MACROECONOMIA di Alessia Chiovaro
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.