Skip to content

Commento di Salvatore De Vitis: il tema delle legittimazioni

Il tema delle legittimazioni introduce alcune differenze tra le società aperte e non aperte al mercato dei capitali di rischio.
Per la legittimazione interna (cioè quella dei soci), nelle aperte il socio o i soci devono essere titolari di una percentuale inferiore a quella richiesta, agli stessi fini, per le non aperte (ma nulla si dice circa la possibilità di conteggiare le azioni prive di diritto di voto, con voto limitato, ecc.); ciò per la maggiore polverizzazione dell’azionariato nelle aperte.
Per la legittimazione esterna (cioè quella del p.m.), solo le aperte hanno tale alternativa (oltre alla legittimazione interna); ciò poiché queste società presentano soggetti anche terzi (creditori, risparmiatori, ecc.) che tutelano interessi estranei a quelli della società (mentre nelle non aperte vi è solo l’interesse dei soci, e solo alla conservazione dell’integrità del patrimonio sociale); inoltre, presentano varianti organizzative rispetto alle spa di diritto comune, e sono di norma sottoposte a controllo amministrativo.
Ancora, dal combinato disposto degli artt. 128 e 152 del Tuf, del 2325-bis e 2409, appare che il p.m. può richiedere controllo giudiziario sia nelle quotate che nelle aperte, mentre la Consob solo nelle quotate; ancora, tale legittimazione è prevista, per le non quotate, aperte o non, anche per il collegio sindacale (o consiglio di sorveglianza o comitato di controllo interno), con dubbi relativi a: la possibilità, per il singolo componente di tali organi, di procedere individualmente alla denuncia; la sorte di tali organi una volta nominato l’amministratore giudiziario; la possibilità, per il tribunale, di procedere alla revoca di tali organi dopo aver accertato gravi irregolarità anche in capo a questi ultimi.
In ultimo, sia per attivazione da parte dell’organo di controllo che da parte del p.m., le spese sono a carico della società, così confermando che, per tali soggetti, la denuncia, qualora ricorrano i presupposti, è un dovere.
di Moreno Marcucci
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.