Skip to content

I diritti speciali di prelievo


I diritti speciali di prelievo sono il metodo più razionale per far fronte alle necessità di aumento di riserve. Le modalità di funzionamento sono l’apertura di un apposito conto presso il fondo il quale assegna ai paesi membri un ammontare di disponibilità proporzionale alle quote possedute. L’allocazione del fondo è volto a promuovere il raggiungimento degli obiettivi del fondo, nonché evitare crisi inflazionistiche e recessive del mondo.
Il carattere distintivo è che i detentori possono utilizzarlo per ottenere valute di cui hanno bisogno al fine di correggere lo squilibrio della bilancia dei pagamenti oppure adeguare la composizione delle riserve. L’utilizzo non può superare il 70% del complessivo ricevuto ed il 15% dell’allocazione originaria per pagamento in oro. Questo sistema non ha dato risultati sperati per via della riluttanza delle banche centrali a privarsi dell’oro, per l’atteggiamento manifestato dalle autorità monetarie dei paesi a moneta di riserva inteso a non perseguire gli obiettivi della riforma, per la creazione dell’ECU e la continua perdita del potere di acquisto per l’aumento dei prezzi.
Tratto da POLITICA ECONOMICA di Alessandro Remigio
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.