Skip to content

I fattori di stress e burnout dell’insegnante. Fattori individuali


L’individuo a rischio burnout non ha fiducia in sé, scarsa ambizione, obiettivi poco definiti; chi ha fatto la sua scelta vocazionale (dove il raggiungimento degli obiettivi è una sfida personale per esprimer se stesso) ha una motivazione e resistenza allo stress > di chi ha scelto l’insegnamento per ragioni strumentali (si sente schiacciato da un carico enorme ricompensato al max da uno scarso guadagno e piccoli vantaggi personali).
1. legati a variabili demografiche:
- sesso: le donne hanno una modalità nevrotica e autoplastica di gestire lo stress (rivolta all’interno), sperimentano così un alto livello di esaurimento emotivo; gli uomini hanno una modalità più psicotica/allo plastica (verso l’esterno) esprimendo il disagio con alti livelli di depersonalizzazione
- età: gli insegnanti più giovani sperimentano più alti livelli di stress perché devono affrontare situazioni che non conoscono bene xò anno una > dose di entusiasmo e risorse emotive, chi ha > anzianità di servizio padroneggia meglio la situazione ma corre il rischio di distacco motivazionale

2. legati a tratti di personalità: ricerche hanno rilevato una connessione tra individui locus of control (tendono a vedere fuori di sé le cause positive e dentro di sé quelle negative degli eventi) e burnout: soggetti rassegnati e remissivi quando occorre agire sulle situazioni stressanti e preferiscono distaccarsene (depersonalizzazione)esaurendo le energie residue (esaurimento emotivo). Anche la rigidità docente è connessa col burnout: i soggetti più rigidi in merito a norme, ruoli, obiettivi provano meno soddisfazione lavorativa e sono sottoposti a > situazioni stressanti rispetto a quelli più flessibili; la rigidità si ripercuote sull’insegnamento determinando un atteggiamento direttivo e autoritario più discrepanza tra sé ideale/sé reale: predisposizione al burnout per chi sceglie l’insegnamento sulla base di un modello idealizzato e poco realistico della professione. La crisi d’identità può manifestarsi in modi diversi:
- predominanza sentimenti contraddittori (comportamenti fluttuante e imprevedibile)
- rifiuto di accettare il sé reale, si cerca una compensazione aldilà della scuola, tentativo di mantenere una facciata di rispettabilità per nasconder eil vuoto
- sommersi da angoscia: quando ci si rende conto della mancanza di mezzi per rendere concreti gli ideali professionali
- confronto col conflitto in modo più sereno e realistico
Tratto da STRESS E BURNOUT di Antonella Bastone
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: