Skip to content

MONETA E INFLAZIONE


Il fenomeno dell’aumento generalizzato dei prezzi è noto come inflazione.
Il tasso di inflazione (variazione % del livello generale dei prezzi nell’unità di tempo) varia sostanzialmente nel tempo e tra diversi paesi. Episodi di inflazione straordinariamente elevata sono detti iperinflazione.

Cos’è la moneta:
La moneta è uno stock di beni che possono essere utilizzati immediatamente per fare transazioni.
Funzioni della moneta:
riserva di valore. La moneta rappresenta un mezzo per trasferire potere di acquisto dal presente al futuro. Essa è una riserva di valore imperfetta: se i prezzi aumentano la quantità di beni che si possono acquistare con una data quantità di moneta diminuisce; ciononostante gli individui detengono la moneta con l’obiettivo di scambiarla con beni o servizi in un certo momento nel futuro.
unità di conto. La moneta rappresenta il termine in cui si esprimono i prezzi. La moneta è il metro con cui si misurano le transazioni economiche.
mezzo di scambio. La moneta è ciò che utilizziamo per acquistare beni e servizi. La facilità con cui la moneta può essere convertita in beni o servizi, a volte è definita liquidità. Un sistema fondato sul baratto perché si realizzi uno scambio deve verificarsi una doppia coincidenza di volontà; in un’economia moderna complessa il commercio di solito è indiretto e richiede il ricorso alla moneta.

I tipi di moneta:
Moneta a corso legale: non ha valore intrinseco (euro, dollaro, etc)
Moneta merce: è dotata di valore intrinseco. (es. oro). NB: un’economia che utilizza l’oro o banconote convertibili in oro si dice che adotta un sistema aureo.

Come si determina la quantità di moneta.
La quantità di moneta disponibile è detta offerta di moneta. In un’economia che utilizza moneta a corso legale, l’offerta di moneta è controllata dallo Stato: vicoli legali danno allo Stato il monopolio sulla stampa delle banconote. L’offerta di moneta diventa così uno strumento di politica economica. Il controllo esercitato sull’offerta di moneta è detto politica monetaria, la quale è delegata a un’istituzione parzialmente indipendente detta banca centrale (negli Stati Uniti è la Federal Reserve e nell’Unione Europea è la BCE).
Gli strumenti principali attraverso cui una banca centrale controlla l’offerta di moneta sono le operazioni di mercato aperto, cioè operazioni di acquisto e di vendita di titoli del debito pubblico (se la banca centrale desidera aumentare l’offerta di moneta compra titoli, viceversa li vende).

Nb: I compiti della BCE: vigilanza sulla stabilità dei prezzi in Europa; definizione della politica monetaria, con la potestà di dare disposizioni alle singole banche centrali per quanto concerne il controllo della quantità di moneta, etc. IL SEBC è composto dalla BCE  e dalle banche centrali degli Stati membri dell’UE.

Come si misura la quantità di moneta.
Poiché la moneta è lo stock delle attività utilizzabili per regolare le transazioni, la quantità di moneta è la quantità di tali attività.
Gli aggregati monetari:
C = Circolante: somma di tutte le banconote e monete metalliche in circolazione
M1 = C  + saldo depositi di C/C (traveller’s cheque e depositi a vista)
M2 = M1 + fondi comuni di investimento di mercato monetario in possesso di privati e depositi vincolati a breve termine
M3 = M2 + depositi vincolati a lungo termine, accordi di riacquisto, eurodollari e fondi comuni di investimento di mercato monetario in possesso di istituzioni.
Tratto da MACROECONOMIA di Alessia Chiovaro
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.