Skip to content

Il funzionamento del sistema


Il sistema monetario fino al 1914 era basato sul gold standard. Le regole di questo sistema sono:
• Fissazione da parte dell’autorità di 1 parità aurea, l’equivalente in oro della moneta nazionale
• Libera circolazione dell’oro. I tassi di cambio sono considerati fissi perchè possono oscillare entro i limiti determinati sopra o sotto la parità monetaria dei punti dell’oro rappresentati dai costi sostenuti per la spedizione dell’oro. La convenienza a regolare la transazione con moneta finanziaria cessa quando lo scostamento è tale da superare i punti dell’oro.
• Gli effetti che i movimenti dell’oro producono sull’offerta interna di moneta. Il processo di aggiustamento è favorito dalle politiche di tasso ufficiale di sconto e dalle operazioni sul mercato aperto poste in essere dalla banca centrale. Il paese deficitario può accelerare il meccanismo di riequilibrio aumentando i tassi di interesse ed adottando politiche creditizie restrittive. Ciò stimola la spinta verso il basso dei prezzi e dei costi nonché di richiamare capitali dei paesi eccedentari ai paesi deficitari.
La bilancia commerciale di un paese si può ritenere legata da una relazione inversa con il livello generale dei prezzi interni, tale che, un deflusso di oro comporta una diminuzione dell’offerta interna di moneta, una diminuzione dei prezzi interni ed un miglioramento della bilancia dei pagamenti. Analogamente un aumento dei prezzi interni genera un peggioramento della bilancia commerciale ed il deflusso dell’oro con l’effetto di ridurre l’offerta interna.
Tratto da POLITICA ECONOMICA di Alessandro Remigio
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.