Skip to content

L'allargamento dell'UE e l'unificazione dell'Europa

L'allargamento dell'UE è stato previsto al prima volta dal Consiglio europeo di Copenaghen del 1993. Poi nel Consiglio europeo di Essen del 1994 ne vengono definiti termini, modalità e procedure, prevedendo una fase di preadesione per ogni paese richiedente (comprendente anche programmi d'aiuto). Fin dalle prime richieste di entrata dei PECO la Commissione ha istaurato con loro delle associazioni speciali che li hanno adeguati agli standard europei. Contemporaneamente anche alcuni paesi dell'EFTA avevano richiesto l'adesione e la Commissione elaborò il Trattato istitutivo dello Spazio economico europeo (SEE), firmato a Oporto nel 1992 che prevede l'estensione delle condizioni economiche UE a questi altri paesi e l'istituzione di un consiglio SEE. Inoltre si sente sempre più l'esigenza di stringere i rapporti con la Federazione russa che è già membro del Consiglio d'Europa (problema del 30∞ meridiano). La stessa esigenza nascerà per i paesi dell'ex-Yugoslavia e per Svizzera e Norvegia. In un periodo di globalizzazione selvaggia, il sistema di integrazione economica dell'UE si contraddistingue perchè, pur basandosi sulla concorrenza, si fonda su un sistema di concertazione con le parti sociali. Nel 1997 viene presentata l'Agenda 2000, documento che si occupa dell'evoluzione delle politiche dell'UE e dell'allargamento.
Le trattative per l'adesione hanno avuto tempi diversi: prima i dieci, poi toccherà a Romania e Bulgaria (2007), mentre la Turchia è ancora lontana (avvio dei negoziati nel 2005) anche se ha fatto passi avanti. I problemi della Turchia comprendo questioni concernenti il rispetto dei diritti umani, la laicità, la questione mai chiusa con Cipro, il trattamento dei curdi, il mancato riconoscimento del genocidio degli armeni. Ciononostante gli Stati Uniti premono per la sua adesione.
Questi paesi devono affrontare un percorso a tappe verso gli standard europei. Vari consigli europei successivi si sono occupati dei tempi delle adesioni: Siviglia 2002, Bruxelles 2002. I negoziati si sono conclusi nel Consiglio europeo di Copenaghen del dicembre 2002 che prevedeva l'adesione entro le elezioni del Parlamento Europeo (giugno 2004). Questa adesione avrà un grosso impatto sul bilancio comunitario con una necessaria riforma costituzionale e aumento delle risorse dell'UE, ma la renderà la più grande area economica al mondo. Il 16 aprile 2003 ad Atene è stato firmato il Trattato di adesione dei 10 paesi entrati il 1 maggio 2004.

di Giulia Dakli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.