L'associazionismo sindacale degli imprenditori :

Questa pagina è tratta da: Diritto sindacale (riassunto) di Alessandra Infante.

[« Torna all'indice di questo riassunto]

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Scarica questo riassunto Consultabile gratuitamente in formato PDF

Navigazione rapida:
Altri appunti correlati:

L'associazionismo sindacale degli imprenditori 

Le associazioni rappresentative degli imprenditori nel nostro Paese sono maggiormente frammentate rispetto sia alla controparte sindacale, sia rispetto a ciò che avviene negli altri Paesi europei. Il criterio organizzativo è prevalentemente quello dei grandi settori economici (industria, commercio ecc), con una diversificazione ulteriore in base alle dimensioni delle imprese o alla natura, pubblica o privata, delle stesse. Le maggior organizzazioni sono Confindustria, per l'industria ed i servizi, Confcommercio, per il commercio, Confagricoltura, per il relativo settore e l'Aran, che rappresenta i datori di lavoro pubblici, le pubbliche amministrazioni. 
Altre organizzazioni, poi, rappresentano le piccole-medie imprese e sono la Confapi nell'industria, la Confesercenti nel commercio e la Coldiretti in agricoltura, la quale tutela appunto, insieme alla CIA (Confederazione italiana agricoltori), i coltivatori diretti. 
Vi sono poi una miriade di altre organizzazioni che rappresentano altri settori, quali quello bancario ed assicurativo, quello dei trasporti, quello dell'artigianato ecc. (Non meritano di essere citati, in quanto inutili in ambito di esame) 
In passato esistevano anche organizzazione rappresentative di società partecipate dallo Stato, poi sparite dopo il processo di dismissione delle partecipazioni. 
Un cenno particolare merita la già citata Confindustria, nata nel 1910, la quale è un'associazione di secondo grado, ossia una federazione di associazioni, articolate per territorio e settore produttivo. Le associazioni provinciali operanti in una regione costituiscono le 18 Confindustrie regionali, le quali hanno un importante funzione sindacale (sarebbe meglio dire di rappresentanza). All'interno di Confindustria figurano, infine, Federmeccanica, Federchimica ecc. che rappresentano i vari settori produttivi. 
Vi sono anche organizzazioni rappresentative degli imprenditori a livello europeo, come la Business Europe per i privati e la Ceep per i datori di lavoro pubblici. 
di Alessandra Infante