Skip to content

Effetto di sostituzione ed effetto di reddito: spostamento delle curve di indifferenza

una diminuzione del prezzo influisce sulla quantità domandata in due modi: o modificando il rapporto fra i prezzi dei due beni (effetto sostituzione, si sostituisce il bene meno caro a quello con prezzo costante), o aumentando il potere d’acquisto del consumatore, a parità di reddito monetario (effetto reddito, aumenta il reddito reale). Quando varia il prezzo, la retta di bilancio ruota attorno all’asse verticale e diventa più piatta, con uno spostamento che avviene in due fasi: prima la retta di bilancio ruota attorno al punto corrispondente al paniere domandato inizialmente, poi si sposta verso destra in direzione del nuovo paniere domandato. Così, è possibile scindere l’effetto di variazione totale nelle quantità domandate dei due beni in quello dovuto all’inclinazione della retta di bilancio che mantiene costante il potere d’acquisto (la rotazione) e in quello dovuto alla variazione del potere d’acquisto, mantenendo costante l’inclinazione (lo spostamento). L’effetto reddito può avere segno positivo o negativo a seconda che i beni considerati siano beni normali o beni inferiori; l’effetto di sostituzione, nel caso in cui il prezzo diminuisca, sarà non negativo, altrimenti è negativa: in ogni caso, sarà sempre negativa in quanto la variazione di domanda provocata da tale effetto è opposta alla variazione di prezzo. L’influenza complessiva sulla domanda risulta dalla somma delle due tendenze. Nel caso di un bene normale, l’effetto reddito e l’effetto di sostituzione agiscono nella stessa direzione e si rinforzano a vicenda: una diminuzione del suo prezzo ne aumenterà la quantità domandata sia per l’effetto sostituzione sia per l’effetto reddito, grazie al maggior potere d’acquisto.
di Elisabetta Pintus
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.