Skip to content

Il piano del sistema stradale



Il Piano vuole agire in tre ambiti.

- Ambito dell'adeguamento e del potenziamento infrastrutturale. 1.Viabilità primaria e rete SNIT di I livello. L'anello perimetrale costiero → Completamento dell'autostrada fino a Ragusa e da lì o prolungamento fino a Gela o creazione di una nuova infrastruttura. 2. Viabilità primaria interna → si intende realizzare una progettazione per fasi volta all'adeguamento progressivo della sezione stradale di alcuni itinerari strategici al tipo C1 prima e poi al tipo B. 3.Viabilità extraurbana secondaria e rete SNIT di II livello → creazione di una rete secondaria equipotenziale che garantisca la massima capillarità del sistema stradale. Itinerari come AG – PA. 4. Viabilità di accesso agli impianti di trasporto → Maggiore e più efficiente collegamento, fermo restando il tentativo di spostare la maggior parte del traffico su gomma a navi e treni. 5. Infrastrutture per l'intermodalità → creazione di aree di sosta per porti e terminal cargo e auto. Parcheggi di scambio.
- Ambito dell'innovazione tecnologica. 1.Installazione di una rete di rilevamento automatico dei flussi di viabilità. 2.Pannelli a messaggio variabile. 3.Adeguamento della segnaletica di itinerario.
- Ambito della logistica e della normativa. 1. Incentivi ai comuni per la riorganizzazione della distribuzione delle merci in campo urbano. 2.Trasporto dei rifiuti. 3. Incentivi per il trasferimento strada – mare.

di Gherardo Fabretti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.