Skip to content

Le risorse ambientali a seconda degli effetti del loro utilizzo

1) risorse il cui stock è dato, anche se non noto, e la cui utilizzazione ne comporta la completa distruzione: lo sfruttamento dei servizi ha il carattere dell’irreversibilità, come le risorse geologiche, e la politica ottimale comporterà la distribuzione intertemporale dello stock;
2) risorse il cui stock è dato e non rinnovabile, ma i cui servizi possono essere parzialmente riciclati e aumentati: come le risorse naturali di acciaio, rame, altri metalli e risorse culturali, la politica ottimale richiederà sia l’individuazione della proporzione dello stock che deve essere utilizzata in ogni periodo, sia il calcolo del tasso di recupero dei servizi già usati (il tasso dipende da condizioni tecnologiche e dall’intervallo di tempo in cui i servizi della risorsa sono bloccati in qualche utilizzo);
3) risorse la cui utilizzazione comporta la distruzione irreversibile sia dello stock che dei servizi da esso derivanti: come le foreste, che però possono essere incrementate, la cui politica ottimale dovrà definire il livello di utilizzazione corrente che mantiene uno stock residuale sufficiente a soddisfare i consumi futuri, dato il tasso di autogenerazione;
4) risorse il cui stock è dato e i cui servizi sembrano disponibili in misura illimitata: come la terra, vengono sfruttati e quindi distrutti, ma riprodotti dallo stesso stock su un orizzonte temporale infinito, e se non vengono sfruttati sono persi per sempre e comunque sostituiti in qualche periodo futuro, dei quali bisogna lo stesso studiare una politica ottimale, poiché il consumo presente può alterare la natura dei servizi disponibili in futuro e modificare le opportunità di consumo accessibili ai fruitori futuri.
di Elisabetta Pintus
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.