Che cosa sono i media:

Questa pagina è tratta da: I media. La prospettiva sociologica (riassunto) di Anna Carla Russo.

[« Torna all'indice di questo riassunto]

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Scarica questo riassunto Consultabile gratuitamente in formato PDF

Navigazione rapida:
Altri appunti correlati:

Che cosa sono i media


Una prima definizione di media è quella offerta da Marshall McLuhan. Con il termine media, lo studioso canadese intendeva non solo tutti quelli che venivano definiti mezzi di comunicazione, ma anche tutti gli artefatti e le tecnologie umane. Queste ultime erano poi intese sia in senso materiale, sia in senso “spirituale” e culturale (teorie filosofiche, forme poetiche ecc).
Fausto Colombo nota che i media possono essere catalogati in base sia alle loro caratteristiche linguistiche sia a quelle tecnologiche. Riguardo i media, Fausto Colombo propone una definizione, quale: i media sono apparati socio-tecnici che svolgono una funzione di mediazione nella comunicazione fra soggetti. Questa definizione permette di studiare i media sotto diversi aspetti:
- Come apparati sociotecnici. I media non si pongono come mere tecnologie, ma come sistemi socio-economici di uso delle tecnologie.
- Nel loro rapporto con i soggetti sociali. I medi si muovono dentro relazioni sociali di cui sono prodotto e cornice.
- All’interno dello sviluppo delle reti. 
- Riconducendo il dibattito sui media al più generale rapporto fra attore sociale e società.
- Come tecnologie e circuiti culturali al tempo stesso.

A proposito dei circuiti culturali è utile ricordare la classificazione di Appadurai in:
- Technoscaper
- Ethnoscaper
- Financescaper
- Ideascaper
- Mediascaper
di Anna Carla Russo