Skip to content

L’empatia culturale ed etnoculturale

L’empatia culturale ed etnoculturale


Di recente lo sforzo di molti studiosi si è rivolto allo studio delle forme che l’empatia può assumere in contesti specifici, come ad esempio la scuola, e delle relazioni che si instaurano in specifici contesti lavorativi e organizzativi, culturali ed etnici. Tutto ciò ha portato all’individuazione di particolari forme, come l’empatia culturale e l’empatia etnoculturale. Il termine “empatia culturale” consiste nella capacità di provare un interesse nei confronti delle altre persone e di avere un’accurata percezione dei loro pensieri, sentimenti, comportamenti ed esperienze. L’empatia culturale ha dunque a che fare con la disponibilità ad accettare modi di fare e abitudini tipiche di un contesto culturale diverso dal proprio.
Negli ultimi anni gli studiosi hanno anche cercato di comprendere che forma assuma l’empatia se rivolta a persone che non solo appartengono a gruppi culturali, ma anche a etnie diverse dalla propria. Questa tipologia di responsività prende il nome di “empatia etnoculturale”. Oltre alle tradizionali componenti affettive e cognitive, nell’empatia etnoculturale riveste grande importanza la componente comunicativa, vale a dire la capacità di comunicare agli altri i propri sentimenti e pensieri di comprensione della condizione che vivono le persone appartenenti ad altre etnie e la capacità di accettare le differenze culturali.
Tratto da CHE COS'È L'EMPATIA di Anna Bosetti
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: