Skip to content

Riclassificazione specifica della contabilità analitica

CONTO ECONOMICO A MARGINE DI DISTRIBUZIONE
E’ costruito per esigenze interne. Presuppone la divisione tra costi fissi e variabili. Serve per dare indicazioni sulla redditività di certe produzioni e sulla possibilità o meno di tenere queste produzioni.
Il conto economico a margine di contribuzione può essere:
- PER PRODOTTO : si parte dai ricavi netti, si tolgono i costi variabili e si arriva al margine di contribuzione.
- PER AREA STRATEGICA D’AFFARI (ASA) : riguarda la divisione, le aree d’affari, in modo da capire il margine di contribuzione di ciascun’area. Il margine di contribuzione permette di capire  il margine di guadagno di certe produzioni e di capire quali produzioni conviene o meno mantenere.
Tratto da ECONOMIA AZIENDALE, UN'INTRODUZIONE di Valentina Minerva
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Economia aziendale

Brevi appunti relativi alla materia di economia aziendale. Si danno cenni e definizioni sull'impresa e la sua gestione, sui rischi, i profitti e le perdite. Descritta la curva di Break Even.