Skip to content

Rating e valutazione di affidabilità creditizia degli emittenti

Nell’ambito di mercati finanziari ben funzionanti, caratterizzati da un elevato volume di contrattazioni, l’informazione costituisce un bene a cui è attribuito un elevato valore. L’operazione di raccolta e elaborazione di informazioni è svolta tipicamente dalle agenzie di rating.
Il rating è un’opinione data dalle agenzie di rating:
Sulla capacità e sulla volontà dell’emittente di rimborsare il proprio debito
Sulla probabilità di insolvenza dell’emittente
Le agenzie di rating (indipendenti e autonome) effettuano analisi previsionali delle performance future dell’ente emittente, sulla base delle quali attribuiscono una categoria di rischio ai titoli di debito da questa emessi. Le categorie sono denominate con lettere alfabetiche (a indicare che il giudizio finale è di tipo qualitativo): da A – affidabilità massima a C – titolo molto rischioso.
Proprio perché le agenzie agiscono in modo indipendente accade a volta che pervengano a giudizi finali differenti riguardo a uno stesso soggetto (split rating).
Le agenzie di rating valutano qualsiasi tipo di tityoli di debito indipendentemente dall’emittente (spa, Stato, ente sovranazionale, etc e anche titoli esteri).
Le agenzie che effettuano rating sono di 2 tipi:
Società di informazione commerciale che forniscono analisi e giudizi sulla futura solvibilità delle società al fine di vendere queste informazioni a chiunque ne faccia richiesta
Un secondo tipo di società che svolge invece analisi simili direttamente su richiesta degli enti emittenti e i cui risultati sono pubblicamente diffusi.
Data l’elevata reputazione di cui è necessario che goda un soggetto preposto a questo genere di analisi, le agenzie di rating sono in n°limitato: le più famose sono Moody’s, Standard&Poor’s, Fitch Ibca Duff & Phelps.

di Alessia Chiovaro

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.